SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un piccolo pezzo di storia rossoblu si è accasato nella Germania mondiale. Non stiamo parlando dei tanti sambenedettesi emigrati in terra tedesca, neanche di un evento simbolo della nostra città.
Nel freddo gennaio del 2002 alla corte dell’allora tecnico Paolo Beruatto, patron Gaucci mandava a farsi le ossa un giovanissimo calciatore: Silvio Reinaldo Spann giunto insieme a Konakou Moise Brou. Poche partite giocate ma ugualmente partecipi della promozione finale dalla C2 alla C1 in quel di Parma.
Tra i tanti nomi illustri che parteciperanno al mondiale tedesco, che prenderà il via nella giornata di domani, compare anche quello di Spann con la sua Nazionale Trinidad e Tobago.
Figlio d’arte, il padre fu vice capitano del Trinidad e Tobago durante le eliminatorie per Italia ’90. E chissà quali brividi proverà quando suo figlio scenderà in campo il 10 giugno contro la Svezia di Larsson e Ibrahimovic. La sua Nazionale è inserita nel girone di Inghilterra e Paraguay.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 721 volte, 1 oggi)