MARTINSICURO – Durante gli ultimi giorni di maggio alcune imbarcazioni italiane per la pesca oceanica sono incorse in seri problemi con le autorità marittime della Guinea Bissau. Le infrazioni contestate sono sconfinamento e pesca di esemplari proibiti. In attesa del pagamento di ammende molto pesanti, le autorità del porto di Bissau hanno provveduto al sequestro del pescato e delle imbarcazioni, a bordo delle quali si trovano gli equipaggi in stato di fermo.

Fra le imbarcazioni sequestrate ci sono la “Genevieve? e la “Marlin? di San Benedetto. Giovanni Gaspari e Leonilde Maloni, sindaci di San Benedetto e Martinsicuro, si stanno muovendo presso l’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri.

Le altre tre imbarcazioni sono di Pescara e di Mazara del Vallo. Ci sarebbero anche altre imbarcazioni che farebbero riferimento a società di nazionalità mista.

I capitani della “Genevieve? e della “Marlin? sono originari di Martinsicuro e si chiamano Marco Bruni e Franco Marucci. Dal 28 maggio si trovano bloccati a bordo delle loro imbarcazioni e l’unico mezzo per uscire dal loro isolamento sono i telefoni satellitari, con i quali possono tenersi in contatto con le famiglie. La situazione del “Genevieve? appare più complicata in quanto l’imbarcazione sarebbe recidiva a infrazioni del genere.

Le autorità di San Benedetto e Martinsicuro, dicevamo, sono in stretto contatto con il Governo e con la Farnesina. Gaspari, dopo essersi messo in contatto con i familiari dei marittimi, ha inviato un telegramma al Ministero degli Esteri, sollecitando un intervento diplomatico e chiedendo di essere aggiornato su tutte le strategie che verranno adottate. Leonilde Maloni si è sentita via e-mail con l’onorevole Nicola Cresci dei Democratici di Sinistra e ha ricevuto la conferma dell’interessamento del Gabinetto del Ministero alla situazione. Ora si muoverà il console onorario italiano in Guinea Bissau. Se così non fosse, ci sarebbe il rischio di far arenare la trattativa esclusivamente sulle richieste economiche. Una volta portato il dialogo nell’ambito diplomatico, invece, si potrà inserire la questione nell’alveo dei rapporti complessivi fra le due nazioni.

La Guinea Bissau è una vecchia colonia portoghese indipendente dal 1973 e si trova a sud del Senegal sulle coste dell’oceano Atlantico. E’una repubblica presidenziale in cui la religione più diffusa è quella animista, seguita da quella musulmana. Negli ultimi mesi sono in corso degli scontri al confine con il Senegal fra l’esercito guineano e i ribelli senegalesi della Casamance. A causa degli scontri ci sono più di 30.000 sfollati che si sono ammassati nelle poche città del nord che ancora non sono in mano ai guerriglieri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 951 volte, 1 oggi)