SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I ragazzi cresceranno. Un po’ di pazienza. I primi segnali sono comunque più che incoraggianti. Parola dello staff tecnico della Riviera Samb Volley, che il 31 maggio e il 1° giugno ha visto all’opera la formazione Under 13 rossoblu, impegnata nel corso del Trofeo Cantori, la manifestazione di pallavolo che dallo scorso anno si tiene a Casteferretti, in provincia di Ancona, dopo lunghi trascorsi a Camerano, dove è nata. 

In gara 16 compagini giovanili del volley marchigiano. Insomma, un bel banco di prova per li atleti del futuro. La società sambenedettese, che non vince il torneo dal lontano 1995, si è presentata quest’anno con una squadra nuova di zecca, dopo anni di difficoltà nel reperire ragazzi che si avvicinassero a una disciplina tradizionalmente più amata dalle donne. 

Non è andata bene – tre sconfitte su tre: 2-0 contro Loreto, 2-1 contro Falconara e 2-0 contro i titolati “colleghi? della Lube Macerata – eppure Giuseppe Moriconi, che ha seguito molto da vicino, insieme a Marco Mattioli, i giovanotti rossoblu, ci tiene a sottolineare come “rispetto agli avversari i nostri sono insieme da molto meno tempo. Si conoscono poco e determinati meccanismi vanno ancora perfezionare. Hanno insomma tempo e modo di crescere e poter farsi sentire in competizioni come queste. Lavoreremo sodo per fare meglio sin dal prossimo anno, certi che in questa squadra ci sono ragazzi davvero molto interessanti. Era importante, nel corso di questo torneo, rompere il ghiaccio; ci siamo mossi bene, nonostante, come detto, di fronte avessimo avversari molto più affiatati?. 

E per l’Under 13 l’avventura in quel di Castelferretti non è conclusa visto che la prossima settimana affronteranno le gare finali. Se anche in palio ci sono gli ultimissimi posti, saranno sfide che serviranno ai giovani sambenedettesi per prendere sempre più confidenza con lo sport al quale si sono avvicinati con grande passione. 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 487 volte, 1 oggi)