SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Week-end amaro per le formazioni rivierasche impegnate nelle poule play-off e play-out. In serie C2 la Libertà di Movimento si giocava tutte le chance salvezza in quel di Ascoli, contro il Libero Sport. All’andata la formazione bianconera si era imposta di misura per 2–3, ragion per cui, per approdare alla finale i sambenedettesi avrebbero dovuto ribaltare la situazione, con almeno due reti di scarto. Impresa che, purtroppo, non è riuscita: i rossoblu non sono andati oltre il pareggio (3–3) che equivale alla condanna di una retrocessione che lascia tanto amaro in bocca.
Delusione tangibile anche perché, tutto sommato, la salvezza era alla portata di Marignani & C, visto l’organico a disposizione e in virtù di quello delle concorrenti. Non resta che voltare pagina e pensare al futuro.
E il futuro si chiamerà ancora in serie D per il Port Cafè. Nella finale play-off del girone H l’Offida si è imposto nettamente per 6–1 e quindi proseguirà nel duro cammino verso la promozione. Una debacle in piena regola, quanto inaspettata, per i ragazzi di mister Trovarelli.
Per gli offidani d’altro canto il prossimo ostacolo è il Real San Giorgio, vincitore dei play-off nel girone G. In bocca al lupo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 624 volte, 1 oggi)