ACQUAVIVA PICENA – Un gol di Capretti nella gara di andata dei play out e la determinazione nel match di ritorno contro la Valtesino sono valsi all’Acquaviva la permanenza in Prima Categoria. Termina con questo trionfo la sofferente stagione degli aranciocelesti.
«La nostra salvezza è paragonabile ad un campionato vinto – ha chiosato il Presidente Vincenzo Mora – Sono molto soddisfatto del traguardo raggiunto, dopo una annata pessima».
Cosa è mancato quest’anno all’Acquaviva per disputare un torneo tranquillo?
«Sono mancate tante cose – ha commentato il patron arancioceleste – Una serie di infortuni a catena che non hanno permesso mai di avere una stessa formazione. Aggiungiamoci le incomprensioni tra allenatore e squadra e i risultati che non venivano. Tuttavia alla fine è prevalso il buon senso dei ragazzi che si sono adoperati con costanza e meticolosità per la riuscita della salvezza».
Lo scorso anno fu l’autentica outsider del campionato con una finale play off persa con la Sangiorgese; l’Acquaviva di oggi ha invece difeso con rabbia e orgoglio una stagione che gli aveva voltato le spalle relegandola nei bassi fondi della graduatoria.
E il futuro come sarà?
«E’ ancora presto per parlarne – ha concluso il Presidente Mora – in settimana ci riuniremo per fare il punto della situazione e programmare il prossimo campionato. Senza dubbio allestiremo una squadra che ci regali un torneo migliore di questo passato».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 217 volte, 1 oggi)