MARTINSICURO – «L’assegnazione della Bandiera Blu 2006 da parte del FEE alla città di Martinsicuro è un riconoscimento alla città, alla popolazione, a imprenditori ed operatori turistici che gradualmente e faticosamente si sono attivati per migliorare l’immagine e la sostenibilità del nostro territorio»: a parlare è l’assessore all’Ambiente, che ha ricevuto il 9 maggio scorso a Roma il prestigioso premio per i comuni in grado di garantire elevati standard di qualità ambientale. Oggi il premio è stato assegnato alle città più virtuose di 42 Stati nel mondo; delle novanta realtà premiate, Martinsicuro si assesta al 24 posto della classifica, mentre sono state escluse, nelle zone limitrofe, Alba Adriatica e Cupra Marittima.
I risultati sono incoraggianti su tutti i fronti ma, secondo l’assessore, il successo è venuto dalla raccolta differenziata, che a Martinsicuro riguarda attualmente il 50% dei rifiuti solidi urbani, e che ha attestato la città ai primi posti dei comuni italiani distribuiti su 8000 chilometri di costa riguardo a questo aspetto. Per quanto riguarda la parte di promozione delle tematiche ambientali, grazie alla collaborazione del Centro di Educazione Ambientale Scuola Blu, ed alla collaborazione con l’Alleanza per il Clima che ormai si protrae da oltre dieci anni, è stato agevole dimostrare l’impegno della città per avvicinare la popolazione ai problemi del territorio.
«Questo premio – aggiunge l’assessore Viola – è il riconoscimento ufficiale di una nuova responsabilità manifestata dai martinsicuresi, e deve costituire una spinta tutta la città a fare sempre meglio: la sfida è conquistare la qualità della vita per un futuro sostenibile che crei subito una concreta attrattiva per i visitatori, opportunità occupazionali per i giovani e per la crescita professionale del settore turistico».
Martinsicuro sta lavorando anche per confermare gli altri importanti progetti di riconoscimento ambientale e di turismo di qualità: le Vele Touring Club Italiano sono assegnate ai comuni in grado di garantire un’adeguata accoglienza a turisti portatori di handicap (a Martinsicuro garantita dalla sede Anfass), in cui le strutture di ricettività turistica propongono agli ospiti prodotti biologici garantiti, che si impegnano a conservare patrimoni ambientali e monumentali rilevanti e a promuovere lo sfruttamento di fonti alternative di energia.
Insomma, c’è sempre molto da fare, soprattutto perché, per quanto riguarda l’assegnazione della Bandiera Blu, i comuni devono garantire parametri che di anno in anno migliorano consistentemente. Pertanto, quanto è stato finora raggiunto non può essere considerato un punto di arrivo se non si vuole essere esclusi a priori dalla prestigiosa iniziativa per la prossima stagione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 664 volte, 1 oggi)