SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nino Capriotti scende in campo per la Samb. L’assessore provinciale allo sport, sambenedettese oltre che tifoso della Samb, ha raccolto l’invito dei quattro candidati a sindaco per San Benedetto (Tablino Campanelli, Edio Costantini, Giovanni Gaspari, Edio Costantini), che gli hanno chiesto di mediare politicamente tra gli stessi candidati e gli imprenditori sambenedettesi interessati alla Samb.
«In riferimento alla richiesta fatta dal candidato sindaco Giovanni Gaspari di farmi promotore di un incontro tra tutti i candidati all’elezione del primo cittadino di San Benedetto per affrontare in maniera serena e responsabile tutte le problematiche inerenti la questione della Sambenedettese Calcio, desidero informare la stampa che ho aderito alla richiesta e che già ho avviato i contatti necessari», scrive Capriotti.
«Ritengo inoltre che sia necessario procedere con equilibrio ed estrema razionalità ma anche con una certa urgenza. E’ necessario inoltre capire come una Società da sempre protagonista dello sport marchigiano possa aver accumulato un passivo così pesante e possa essere stata esposta a gestioni così disinvolte che nulla hanno a che vedere con il mondo dello sport in cui si sente sempre più forte l’esigenza di pulizia e chiarezza» continua Capriotti, che poi continua: «Si ha il diritto di sapere perché la nostra squadra sia diventata oggetto di speculazione da parte di imprenditori sempre più rampanti che nulla hanno a che fare con il calcio e con i valori dello sport. I tifosi, gli sportivi e la città tutta hanno il diritto di conoscere il futuro e le strategie di rilancio proposte dai vari candidati Sindaco e sarà mio preciso dovere agire in questa direzione ed informarne tempestivamente la stampa ed i media».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 872 volte, 1 oggi)