a cura di Giuseppe Verdecchia
Grottammare-Nuova Avezzano 4-2
GROTTAMMARE: Di Clemente, Cocciardo, Costanzo, Fusco, Pulcini, Traini, Vergari, Marcucci, Ludovisi (80′ Sorricchio), Del Moro (90′ Oddi), Adamoli (63′ Puglia). A disposizione: Di Salvatore, Di Martile, Gasparoni, Travaglini. Allenatore: Amaolo.
NUOVA AVEZZANO: Zambardi, Sasso, Antonelli, Morgante, Pescia, D’Aprile (58′ Ianni), Roscitti (38′ Albertazzi), Bosco, Nicoletti, Drago, Tusi (58′ Leone). A disposizione: Cosenza, Rotondi, Pecora, Giglio. Allenatore: Cerone.
Arbitro: Cafari di Cassino.
Marcatori: 3′ Marcucci (G), 5′ Ludovisi (G), 36′ Ludovisi (G), 70′ Puglia (G), 75′ Ianni (N), 93′ Ianni (N).
Ammoniti: Cocciardi, Vergari, Ludovisi, Morgante, Tusi.
Angoli: 1-2
Recuperi: 6′ pt, 5′ st.
GROTTAMMARE – Grande vittoria, ma anche un po’ di amarezza. Il Grottammare di mister Amaolo, infatti, strapazza per 70 minuti l’Avezzano durante la gara di andata dei play-out, ma poi, nel finale, subisce due contestatissime reti e rimette in discussione la salvezza in serie D.
Ma andiamo con ordine: al 3′ i biancocelesti sono già in vantaggio con un calcio di punizione di Marcucci, scagliato dalla zona del vertice dell’area di rigore: il suo tiro viene inizialmente respinto dal portiere ospite che poi, scontrandosi con un difensore, fa terminare la palla in rete. Super-Marcucci al 5′ avvia l’azione e serve ludovisi che tira con il destro e infila sotto il sette. L’Avezzano tenta di reagire ma al 36′ ancora Ludovisi, servito dall’immancabile Marcucci, penetra in area e supera l’estremo difensore avezzanese con un preciso rasoterra. A questo punto accade un fuoriprogramma: due dei circa 100 tifosi giunti da Avezzano entrano in campo, scavalcando le recinzioni, e buttano giù alcuni pannelli pubblicitari. Pronto l’intervento delle forze dell’ordine che identificano i due, e poi li fanno tornare in tribuna (al termine della gara ci saranno ulteriori accertamenti). Il Grottammare, comunque, spera in una squalifica del campo dell’Avezzano nella gara di ritorno.
Al 70′ ancora Marcucci avvia l’azione e, su cross di Costanzo, Puglia effettua una girata al volo: è il 4-0. Ma l’Avezzano non demorde, aiutato dall’arbitro: al 75′ Ianni segna (ma era in fuorigioco), quindi l’arbitro non rileva un pugno dato in faccia a Marcucci e al 93′ arriva il secondo gol abruzzese, sempre con Ianni, che approfitta di una carica avvenuta sul portiere Di Clemente. Ad Avezzano sarà dura, domenica prossima: «Faccio i complimenti ai ragazzi», dice mister Amaolo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 364 volte, 1 oggi)