SERVIGLIANO: Paulucci, Mancinelli, Kuinxhiu, Tronelli, Achilli, Mancini, Giacomozzi, Niccolini, Vergari, Farruku, Nori (Wakil, Tronelli, Brametti) All. Alessandrini.
FUTURA 96: Quinti, Smerilli N, Diomedi, Andrenacci, Alesiani, Matè, Tosoni, Smerilli E, Scotti, Perticarini, Giuti, Mecozzi (Offidani, Teodori, Facciaroni, Massetti, Vallesi) All. Vidan.
ARBITRO: Cosenza di San Benedetto.
ASSISITENTI: Montagna e Pignotti di San Benedetto.
RETE: 58’ Alesiani.
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Futura 96 del tecnico Vidan si aggiudica il campionato locale Giovanissimi battendo di misura un agguerrito Servigliano. Una finale che non ha tradito le attese, ammirata da oltre 100 sostenitori assiepati nella tribuna del Ciarrocchi, ben giocata da ambo le parti.
Un primo tempo in cui le due formazioni si sono affrontate a viso aperto con continui capovolgimenti di fronte dove le rispettive difese hanno tamponato i contropiedi e i portieri hanno sciorinato buone prodezze.
Nella ripresa è la Futura a passare in vantaggio su calcio piazzato. Alesiani si posiziona a limite dell’are e fa partire un bolide che sbatte sotto la traversa interna entrando poi in rete. Il Servigliano ha attutito il colpo, ha cercato di pareggiare mettendo qualche brivido all’avversario.
Nel finale è la Futura a festeggiare senza prima aver ascoltato il Presidente della FIGC locale Giuseppe Azulmi: «Al di là del risultato voglio ricordare che questa gara deve restare una festa. La legge dello sport indica un vincitore e un vinto. Ma questo non deve intaccare il valore che esso concerne e che al primo posto per voi ora c’è la scuola».
Mimmo Traini, padre del ragazzo Saverio Traini scomparso quasi 25 anni fa in età adolescenziale a cui è intitolato il torneo, ha ricevuto un premio ricordo. Poi è stata la volta della premiazione del Servigliano ed infine della Futura che ha alzato la Coppa tra canti e urla di soddisfazione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 675 volte, 1 oggi)