ACQUAVIVA PICENA – La Banca Picena Truentina archivia il 2005 con un brillante risultato di bilancio. L’utile netto passa infatti da 3.505.364 del 2004 a 4.202.579 euro, con un incremento del 19,89%, pari a 697.215 euro. Ai soci verrà distribuito il 4% del risultato, pari a 59.176 euro. Nei prossimi giorni il bilancio verrà sottoposto all’approvazione dell’assemblea generale dei soci. In crescita anche la raccolta: +9%, dai 404 milioni di euro del 2004 ai 439 del 2005. In particolare, per quanto riguarda la raccolta diretta, l’incremento è stato di oltre il 10%, passando dai 346 milioni di euro del 2004 ai 382 milioni di euro del 2005.
Quanto al supporto dato dalla Banca Picena Truentina al sistema economico del proprio territorio di riferimento, ovvero alla voce “impieghi?, l’incremento è stato di oltre l’11% rispetto al 2004, raggiungendo a fine 2005 i 298,4 milioni di euro, quasi 31 milioni in più dell’esercizio precedente. La crescita degli impieghi è stata sostenuta in buona misura anche dalla richieste di credito riconducibili ai finanziamenti per l’acquisto della prima casa. L’Istituto di credito conta 97 addetti, e nel 2005 è aumentato anche il numero dei soci: 113 in più nel 2005, per un totale di 1.657 iscritti nel libro dei soci della Banca.
La Banca Picena Truentina avrà inoltre una nuova sede: Palazzo Sciarra ad Acquaviva Picena, nobile edificio settecentesco, acquisito proprio nel 2005, e che verrà presto restaturato. Nel frattempo è stato avviato l’iter di richiesta dell’autorizzazione ad aprire due nuove filiali sul territorio.
«Le prospettive, sulla base del nostro impegno a continuare nel perfezionamento dell’operatività per soddisfare le esigenze di soci e clientela – ha spiegato il Presidente della Banca Picena Truentina, Gino Gasparretti – sono rivolte ad incrementare i principali aggregati di raccolta e impieghi, affinando ulteriormente la professionalità dei collaboratori e gli strumenti per il governo dei rischi, curando costantemente il miglioramento della qualità del credito, elemento essenziale per una sana e prudente gestione dell’attività bancaria».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 277 volte, 1 oggi)