SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Lo avevano promesso. A inizio stagione allenatore e giocatori ripeterono in coro: «In serie B non ci vogliamo restare». Detto, fatto: è arrivata, dopo un solo anno di purgatorio, la promozione in A2, quella categoria lasciata l’anno passato per la mancanza di una struttura adeguata (leggi pista “Panfili“).
Stiamo parlando, naturalmente, della squadra di hockey in line della Pattinatori Sambenedettesi, che ieri sera, nell’ultima gara della stagione, peraltro valevole per il recupero della seconda giornata, ha guadagnato il lasciapassare per la serie superiore, nonostante la sconfitta. Ha vinto l’Hc Ariccia – per la cronaca: la gara è iniziata con circa 45 minuti di ritardo per la mancanza del medico sportivo, poi sostituito – che ha provato sino all’ultimo a spodestare dal “trono? la compagine di James Paxton. Invano: nonostante il 3-2 maturato al Palariccia sono stati premiati Vagnoni e soci, possessori di una migliore differenza reti nel computo dei due scontri diretti (all’andata finì 5 a 2).
Un match equilibrato, che si è deciso all’ultimo, ma che gli ospiti hanno saputo controllare senza eccessivi patemi d’animo, nonostante in più di una circostanza hanno dovuto ringraziare il portiere Merli, in formato super, e a dispetto di un arbitro che ha diretto in maniera quantomeno discutibile.
Avanti con capitan Vagnoni, i marchigiani si sono fatti prima raggiungere e poi sono tornati sopra grazie a Tiburtini, giunto alla 27esima marcatura stagionale, che gli vale il titolo di capocannoniere della serie B edizione 2005-2006. I laziali ristabilivano la parità e poi allungavano a soli tre minuti dal termine. Seguiva un rigore fallito da Tiburtini. Poco male in ogni caso perchè finiva così, coi 200 del Palariccia, sportivissimi, ad applaudire oltre che i propri beniamini, anche gli avversari. Un giusto tributo alla squadra che, in virtù dell’andamento dell’intero campionato, ha meritato appieno questa promozione.
Una grande soddisfazione dunque per la banda Paxton, artefice di una stagione magnifica, “macchiata?, si fa per dire, da una sola sconfitta. Il coach canadese ha insomma più di un motivo per sorridere: «Sono molto fiero dei miei ragazzi, che hanno giocato un campionato davvero buono. Siamo cresciuti di giornata in giornata e devo dare atto ai più giovani di essere riusciti a migliorare molto nel corso della stagione. Credo che per il futuro si sia creato un bel gruppo. Quello che mi preoccupa ora è il “nodo? della pista (in A2 è obbligatoria una struttura coperta, ndr) e le decisioni della Federazione: dovessero inserirci in un girone con formazioni del profondo Sud saremmo costretti a rinunciare all’A2 per questioni economiche. Spero che si opti per una decisione saggia, visto che c’è bisogno anche della mia squadra per far crescere questo sport e far aumentare il numero di appassionati».
Per ora in ogni caso spazio solo ai festeggiamenti. Poi si vedrà. BentornAtA Pattinatori Sambenedettesi.
Di seguito riportiamo la classifica finale del girone D di serie B.
Pattinatori Sambenedettesi 39*, Hc Ariccia 39, Lions Arezzo 25, W.B. Grosseto 20, Acli Ponte San Giovanni 17, Tabasco Cagliari 9, Pirati Civitavecchia 9, Libertas genzano 7.
* promossa in virtù della migliore differenza reti negli scontri diretti con l’Ariccia (5-2 e 2-3)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 586 volte, 1 oggi)