SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Proseguirò il progetto avviato nel 2001 e interrotto per le dimissioni cui sono stato costretto». L’ex sindaco Martinelli propone la continuità ai cittadini sambenedettesi, ma sconta inevitabilmente il fatto di dover iniziare tutti i suoi discorsi con alcuni “chiarimenti? sui motivi per cui si è appunto dimesso la scorsa estate. Così è stato durante il comizio che ha tenuto sabato 20 maggio alla rotonda Giorgini, cui ha preso parte anche il sindaco di Ascoli Piero Celani, introdotto dal consigliere regionale Vittorio Santori.

Celani ha assicurato il suo sostegno «all’amico Martinelli» per tutte le questioni di interesse intercomunale. La ricandidatura Martinelli, come è noto, è sostenuta da Forza Italia e dalla “Lista Martinelli-Pri?. Mentre si svolgeva il comizio di Forza Italia, il resto del centrodestra (An, Udc, Lega nord, “Lista Costantini-Progetto Comune?), ha svolto iniziative elettorali a Porto d’Ascoli.

«Sono stato costretto a rassegnare le dimissioni», ha detto l’ex sindaco, «perché mi era impossibile andare avanti con il programma, destinare l’avanzo di bilancio, portare avanti il Piano regolatore. Dimettermi è stato quindi inevitabile, ma anche un gesto di responsabilità. Qualcuno più attaccato alla poltrona non l’avrebbe fatto. Oggi mi ripresento perché molti me lo chiedono e perché vorrei proseguire il cammino iniziato. I sambenedettesi giudicheranno. Se non dovessi essere rieletto io un lavoro ce l’ho».

Come già in passato, Martinelli ha rivolto un appello “impolitico?: a non votare secondo il colore politico, appunto, ma scegliendo le persone. Molti dei punti del suo “cammino?, poi, passano per Martinelli per il nuovo Piano regolatore. Così la riqualificazione dei quartieri periferici. Così la costruzione di strutture alberghiere di alto livello. «San Benedetto è rimasta ferma a 30-40 anni fa», ha detto Martinelli, «Oggi non c’è ragione per cui un turista debba venire in vacanza qui piuttosto che altrove». Conclusione sul proprio operato: «Ho lavorato bene», ha detto Martinelli, «al di là di interessi privati o partitici».

Ad ascoltare, oltre ad alcuni cittadini, diversi candidati, tra i quali gli ex assessori Bruno Gabrielli e Giovanni Poli (ricandidati per Forza Italia) e Pierluigi Tassotti (Lista Martinelli), e l’ex consigliere Michele Bagalini, pure in lista per Forza Italia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 436 volte, 1 oggi)