SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Istituzione di un trentunesimo consigliere comunale in rappresentanza dei comitati di quartiere, valorizzazione di questi ultimi e difesa del piccolo commercio sono i principali punti programmatici portati avanti dalla Lega nord, che ha presentato oggi, venerdì, la lista dei propri ventisei candidati consiglieri, una delle quattro che sostengono la candidatura a sindaco di Edio Costantini. Il consigliere aggiunto verrebbe eletto dai presidenti dei quindici comitati di quartiere e non avrebbe potere di voto, ma solo una funzione consultiva o di rappresentanza dei problemi.
Il coordinatore comunale e presidente regionale della Lega (nonché candidato) Stefano Gaetani ha spiegato il punto di vista del suo partito su San Benedetto: «I comitati sono una risorsa, che l’amministrazione Martinelli ha boicottato. Noi pensiamo ad un “election day? in cui svolgere l’elezione dei direttivi di tutti i comitati, con adeguato supporto da parte dell’amministrazione comunale. Il consigliere comunale aggiunto ha ragione di esistere, al contrario del rappresentante degli extracomunitari in consiglio provinciale».
Sulla programmazione dell’attività amministrativa: «Noi siamo contrari a Miss Italia», ha detto Gaetani, «La cifra che è rimasta a disposizione del Comune può essere spesa programmando le inziative proprio insieme ai comitati di quartiere. Ciò che non è stato fatto quando si era tentato di vendere le due scuole del Paese alto e del Ponterotto».
Gaetani ha inoltre ricordato la battaglia condotta indirettamente in consiglio comunale per bocciare il progetto predisposto dall’imprenditore Orlando Marconi, di un supermercato nei pressi dell’ex cinema Pomponi: «Fu una parte dell’allora maggioranza a svolgere un decisivo ruolo di opposizione», ha detto Gaetani, «in particolare i consiglieri di An De Vecchis e Rossi».
Dopo questi precedenti, la Lega nord sosterrebbe Martinelli nel caso in cui andasse lui al ballottaggio? «È un problema che non ci siamo posti, perché pensiamo che Martinelli non andrà al ballottaggio», dice Gaetani, che poi riprende in maniera più eloquente: «La città con lui ha già dato, ma diciamo che se avessimo dovuto sostenerlo al ballottaggio, allora l’avremmo sostenuto da subito». A dir poco più sfumato il giudizio del coordinatore provinciale Pietro Infriccioli, anch’egli candidato consigliere: «Non si può dire no a Martinelli, ma naturalmente si dovrà aprire un tavolo di consultazione con tutti gli alleati. Ci siamo riproposti di decidere insieme».
Gli altri candidati: Carlo Fidanza, Gabriele Fabi, Danilo Cameli, Giancarlo Colletta, Daniele Saporosi, Giuseppe Capretti, Nobile Capuani, Gabriele Mozzoni, Valentino Beltrami, Gino Nespeca, Edo Malavolta, Roberto D’Egidio, Franco Tomassini, Ermanno Carucci, Enrico Fioroni, Pietro Bassi, Mirco Bianchini, Mario Sincini, Roberto Vallesi, Giuseppe Mariotti, Massimiliano Rapagnani, Alessandro Maritozzi, Maria Francesca Intorre, Alessandro Natale D’Urso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 507 volte, 1 oggi)