SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Questa mattina chi si sia trovato a percorrere in auto il centro cittadino molto probabilmente sarà andato incontro a disagi e nervosismi. La viabilità era alquanto “ingolfata?, dato che via Piemonte è chiusa per metà al transito, a causa dell’inizio dei lavori sulle condotte idriche.

Lavori che sarebbero dovuti iniziare quantomeno dopo l’estate, stando a quanto ci dice Alessandra Pignotti, portavoce del comitato informale dei commercianti di via Piemonte: «Circa un mese e mezzo fa ho parlato con il commissario straordinario Iappelli ed ho ricevuto delle rassicurazioni sul fatto che i lavori non sarebbero iniziati prima di ottobre. Riteniamo inconcepibile che in pieno maggio, con il caldo alle porte, si blocchi una delle arterie principali del traffico sambenedettese, per iniziare dei lavori che dovevano partire mesi fa».

«La polvere ci causerà disagi, dovremo tenere porte e finestre chiuse, come avvenne nel giugno 2004 quando fecero i primi lavori sulle condotte idriche», aggiunge la Pignotti. «In quel caso, se malauguratamente qualche tubo veniva danneggiato durante i lavori, rimanevamo senz’acqua potabile. Via Piemonte necessita certamente di lavori di riqualificazione, dato che il manto stradale è molto dissestato e la piazzetta di Largo Lazio è assolutamente dimenticata. Ma per quale motivo bisogna farli proprio mentre sta finalmente arrivando il caldo estivo?».

Lamentele senz’altro condivisa da almeno 20 commercianti della popolosa via. Mercoledì mattina hanno riunito i giornalisti e hanno inscenato un piccolo sit-in di protesta, promettendo di portare avanti la loro protesta ad oltranza. «Non si possono prendere queste decisioni che penalizzano un intero settore economico in una zona, senza consultazioni e senza dialogo».

E stamattina, puntuali, sono partiti i primi lavori…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 330 volte, 1 oggi)