Il nuovo calendario scolastico regionale, frutto di un ampia concertazione con tutte le parti interessate ( Enti locali, famiglie, organizzazioni sindacali del comparto Scuola, scuole autonome e paritarie, associazioni turistiche) stabilisce un’unica apertura delle scuole, non differenziata quindi per gradi di istruzione, il 14 settembre 2006. Lo ha deciso la giunta regionale con una recente deliberazione nella quale è fissato anche il termine delle lezioni al 9 giugno 2007, mentre le scuole dell’infanzia chiuderanno il 30. In totale sono 206 i giorni per le attività didattiche , calcolati tenendo conto delle festività e della ricorrenza del Patrono, qualora si celebri durante l’anno scolastico.

“L’articolazione di questo calendario è il risultato di una determinante condivisione delle scelte da parte di tutti i soggetti, oltre che dell’intendimento di semplificare al massimo l’organizzazione scolastica, ha spiegato l’assessore regionale all’Istruzione, Ugo Ascoli. Stabilendo, inoltre, una data più avanzata per l’apertura, rispetto al 12 settembre dello scorso anno – ha proseguito- abbiamo tenuto conto anche delle esigenze degli operatori turistici. Inoltre, questa fissazione tempestiva del calendario consentirà alle scuole di programmare per tempo il funzionamento e l’operatività dei servizi scolastici. “ Oltre alle festività di rilevanza nazionale, il calendario prevede anche la sospensione obbligatoria delle lezioni per le festività natalizie (dal 24 dicembre al 7 gennaio); per le festività pasquali (dal 5 al 10 aprile). Inoltre, saranno “ponti? festivi obbligatori: sabato 9 dicembre e lunedì 30 aprile.

Sul calendario regionale viene segnalata per la prima volta, la data del 10 dicembre in cui verrà celebrata la Giornata delle Marche, nella quale le scuole rivestono un ruolo molto importante. Naturalmente la Regione lascia piena facoltà alle istituzioni scolastiche di adattare il calendario, fissando il limite temporale per la definizione al 20 giugno 2006, in base alle esigenze derivanti dai piani dell’offerta formativa o per eventi eccezionali (comprese le consultazioni elettorali). Per diffondere maggiormente alle famiglie e agli Enti locali la comunicazione sul calendario scolastico, la deliberazione approvata dalla giunta regionale richiama l’obbligo di inserire, entro il 30 giugno 2006, il calendario definitivo di ogni scuola sul portale internet dell’assessorato regionale all’Istruzione all’indirizzo: www.istruzioneformazionelavoro.marche.it sul quale è consultabile anche il nuovo Calendario scolastico regionale. Nel corso dell’anno, sono possibili modifiche al calendario scolastico definito, solo per casi del tutto eccezionali, con parere favorevole degli Enti locali interessati e prevedendo modalità per il recupero delle attività formative non svolte. Le variazioni e i motivi dovranno essere comunicati al Servizio Istruzione – Diritto allo Studio della Regione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 453 volte, 1 oggi)