GROTTAMMARE – E’ stata presentato la scorsa settimana, in occasione della visita ufficiale della Regione Marche in Albania, il Piano di recupero del centro storico di Gjirokastra. La città dell’Albania meridionale è legata a  Grottammare dal 1999 nell’ambito dei progetti di cooperazione allo sviluppo internazionale intrapresi dall’amministrazione comunale, con il sostegno di Regione e Provincia.
Alla cerimonia di presentazione e consegna erano presenti, oltre al sindaco Luigi Merli, al presidente della Provincia di Ascoli, Massimo Rossi, e alla dirigente regionale Marina Maurizi, anche il ministro plenipotenziario per gli Affari esteri- cooperazione allo sviluppo Alessandro Serafini. In rappresentanza delle autorità albanesi, il sindaco di Gjirokastra Flamur Bime e il Ministro per l’economia Genci Rulli.

“La consegna di questo Piano è un altro risultato straordinario che porta a compimento un percorso iniziato nel 1999” ricorda il sindaco Merli “frutto di una grande collaborazione tra enti locali che dà la dimostrazione di quanto la cooperazione  dal basso sia efficace e produttiva.”

Il Piano, redatto mediante l’utilizzo delle tecniche di indagine più avanzate, dietro il coordinamento tecnico dell’architetto incaricato dal comune di Grottammare Fabrizio Torresi,  ha operato in un’area riconosciuta dall’Unesco come “patrimonio dell’umanità”.

Il progetto, partito nel 1999, ha già portato i primi frutti: è stata realizzata l’aereofotogrammetria del territorio, pubblicati gli studi preliminari per la pianificazione urbanistica ed è stato allestito, presso il Comune albanese, un moderno ufficio di pianificazione.

Ai tecnici comunali della città albanese, nel corso di un periodo svolto a Grottammare nel 2002, sono stati insegnate le noziosi basilari per gestire i programmi di gestione informatizzata della cartografia. E’ stato inoltre realizzato un suggestivo depliant turistico in varie lingue che mette in comunicazione le risorse storico culturali e paesaggistiche delle due citta’ gemellate.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 188 volte, 1 oggi)