CUPRA MARITTIMA – Avevamo lasciato il trainer Gianni Clerici speranzoso. Confidava nella sua Cuprense, convinto che potesse lasciare il segno anche nei play off. Così non è stato. I gialloblu escono battuti nel primo confronto con il Montegranaro. Una sconfitta (2-0) maturata peraltro davanti al proprio pubblico.
Squadra appagata dopo aver tagliato il traguardo del quinto posto?
«In un certo senso è così – ha commentato il tecnico – Contro una squadra quotata come il Montegranaro non siamo riusciti a sopperire alle differenze tecniche. Ci è mancata la solita grinta e il cuore che ci hanno accompagnato nel corso dell’intero campionato».
Il Montegranaro si è confermato la bestia nera della Cuprense.
«E’ l’unica formazione con la quale abbiamo perso entrambi i confronti in campionato. Ripeto, oltre alla Recanatese, è quella più titolata a fare il salto di qualità».
E per il ritorno le speranze sembrano affievolirsi: «Occorre un’impresa. In settimana stiamo lavorando per ricaricare le batterie ma la situazione che ci si presenta è davvero ardua. Rimontare due gol e vincere non è cosa semplice specie contro un avversario molto attrezzato».
Eppure i gialloblu, non nuovi agli exploit – leggi conquista di un posto play off – non intendono mollare la presa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 290 volte, 1 oggi)