SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un risultato tra il 7 e il 9% è l’obiettivo della “Lista Costantini-Progetto Comuneâ€?, una delle quattro a sostegno del candidato sindaco Edio Costantini (le altre sono quelle di An, Udc, Lega nord). La lista è stata presentata oggi presso il ristorante “La Ulìa” di San Benedetto, l’obiettivo elettorale è stato dichiarato da Paolo Forlì, che è oggi uno dei ventisette candidati consiglieri comunali della civica Costantini, ma fino a pochi giorni fa candidato sindaco per il Nuovo Psi-Dc e la civica “Progetto Comuneâ€?.
«All’interno della nostra lista ci sono tanti “capettiâ€?», ha detto un Costantini particolarmente ecumenico, «ma noi prenderemo il bene che c’è in ognuno. La cittĂ  ha perso Miss Italia, ma io preferisco cinquanta associazioni che operino sul territorio. E anche lo stadio non può essere l’unico “ammortizzatore socialeâ€?. Vorremmo che le persone possano “sfogarsiâ€? anche negli impianti sportivi, che oggi mancano».
E pluribus unum. Nella Lista Costantinti sono confluite, oltre alle due/tre che avrebbero sostenuto Forlì, anche le seguenti formazioni politiche: le civiche “Benessere e sviluppo delle torriâ€?, che candidava il dirigente scolastico Giovanni D’Angelo, e “Riviera delle Palmeâ€?, che candidava a sindaco Sirio Papetti. La lista candida inoltre a consiglieri comunali tre ex esponenti del gruppo consiliare di Azione Indipendente (formato da alcuni fuoriusciti da Forza Italia): Mario Bianconi, Angelo Ercole e Pino La Manna; ed ex esponenti dell’associazione culturale “l’Alberoâ€? (che candidava a sindaco Giuseppe Fiscaletti), tra i quali il presidente Manrico Urbani. Lo stesso candidato sindaco Edio Costantini aveva aderito all’“Alberoâ€?.
Critiche. D’Angelo ha parlato di «cittĂ  in agonia, specie sul sociale, la scuola, i giovani, gli anziani», di «quattro anni di amministrazione fatti di risse, litigi, spartizione e lottizzazione del potere», di «politica che non ha saputo fare il proprio mestiere, determinando l’arrivo del commissario e la gestione della pubblica amministrazione da parte dei funzionari comunali». Infine dei colleghi di lista: «Alleati dopo una sera di discussione all’hotel Quadrifoglio». Tra le prioritĂ : piĂą asili nido, messa in sicurezza degli edifici scolastici, un centro per i giovani da realizzare nell’area del Ballarin, potenziamento dell’aviosuperficie di Monteprandone, bretella intercollinare, parcheggi sull’Albula.
Forlì ha rivendicato il marchio “Casa delle libertĂ â€? per la coalizione, sfidando il coordinatore regionale di Forza Italia Ceroni (suo ex partito, come detto) a denunciarlo. Pochi giorni fa, infatti, Ceroni aveva ricordato che il marchio “Casa delle libertĂ â€? sarebbe un’esclusiva di Forza Italia.
Annunciate alcune delle prossime iniziative elettorali: lunedì 15 maggio alle 18, presso l’hotel Quadrifoglio, un convegno sul tema della scuola; lunedì 22, stessa ora, alla sala Smeraldo dell’hotel Calabresi, un convegno su “Giovani, sport e futuroâ€?; infine un’ultima iniziativa, in data ancora da fissare, che si svolgerĂ  nel quartiere Fosso dei Galli, a cura di Mario Bianconi (responsabile del comitato elettorale della lista), sul tema delle periferie.
Candidati. Oltre ai citati, e al presidente della Picenambiente Giovanni Merlini (nominato “in quotaâ€? Azione Indipendente), gli altri candidati consiglieri sono i seguenti: Giovanni Bruni, Massimo Bertolotti, Andrea Castelli, Giovanna Ciarlantini, Luigi D’Orazio, Romualdo Fanesi, Giuseppina Feriozzi, Virgilio Formentini, Alvaro Gasparretti, Domenico Gasperi, Lino Marino, Nadia Novelli, Giuseppe Prosperi, Vincenzo Silenzi, Lorella Stampatori, Emidio Tempera, Naide Virgili, Meri Silvestri, Antonello Vacca, Daniela Tomassini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 753 volte, 1 oggi)