MONTEPRANDONE – Un’intera giornata per rendere merito all’impresa del Centobuchi Calcio. L’abbiamo simpaticamente definito – sulla scorta di un anglicismo che, nella circostanza, calza a pennello – Centobuchi Day, a sottolineare i festeggiamenti sfrenati che hanno caratterizzato la giornata si sabato 6 maggio.
La cittadina alle porte di Monteprandone ha celebrato in maniera scoppiettante la promozione della formazione biancoceleste. Una festa lunghissima, che si è protratta sino a tarda sera, e che ha visto la partecipazione di tutto il comprensorio, San Benedetto compresa.
Ma andiamo con ordine. La squadra, assieme a staff tecnico e dirigenti, in mattinata è stata ricevuta dal sindaco Bruno Menzietti, che ha fatto trovare l’intero consiglio comunale al completo, davanti peraltro ad una nutrita cornice di pubblico. Menzietti, dopo aver espresso il proprio compiacimento per il prestigioso risultato ottenuto dalla compagine di Giuseppe De Amicis, ha ascoltato il discorso di circostanza del presidente Claudio Marocchi, procedendo poi alle premiazioni di rito: alla società una targa ricordo, ad atleti e dirigenti delle medaglie.
Dopo il pranzo una simpatica amichevole tra tifosi, giocatori e gli stessi dirigenti allo stadio Comunale. La gara ha fatto da prologo al clou della festa, tenutasi al Parco della Conoscenza. Su un palco allestito per l’occasione, alle cui spalle campeggiava uno schermo gigante, i calciatori biancocelesti hanno sfilato uno ad uno, accompagnati dalle note della banda di San Benedetto, con tanto di majorettes. Sul palco è intervenuto anche il consigliere regionale delal FIGC Ivo Panichi. Fra le personalità che hanno presenziato segnaliamo il presidente del comitato provinciale Catalucci, il presidente del settore giovanile e scolastico Marco Bernacchia e il responsabile delle attività di base del comitato provinciale Giuseppe Malaspina, oltre naturalmente a varie rapprensentanze delle società di calcio della zona. Presenti, infine, numerosi colleghi delle televisioni e della carta stampata.
Ha fatto seguito un ricco buffet, inframezzato dalle immagini e dalle foto più significative della stagione che, sottolineate dai fuochi d’artificio, sono state proiettate sul citato schermo gigante. Per concludere un improvvisato karaoke della squadra e, non poteva mancare, il taglio della torta – extra-large: lunga almeno un metro e mezzo – sulla quale era riprodotto il logo del Centobuchi Calcio.
DE AMICIS. Si doveva fare venerdì scorso, potrebbe farsi in settimana, magari sin dalla serata di domani. Giuseppe De Amicis e la società biancoceleste non hanno ancora raggiunto un accordo per la prossima stagione («contrattempi, nulla più», ha spiegato l’allenatore abruzzese), anche se come rimarcato più volte su queste pagine, non dovrebbero esserci problemi. Le parti infatti, come noto, hanno la volontà di continuare a lavorare insieme; ancora poco insomma, e sarà tutto sistemato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 681 volte, 1 oggi)