SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Doppia presentazione di candidati consiglieri giovedì scorso all’Hotel Quadrifoglio di San Benedetto. Dapprima sono stati presentati gli esponenti di Alleanza nazionale, da parte del presidente provinciale Guido Castelli, del coordinatore comunale Luigi Cava e dell’ex sindaco Pasqualino Piunti, questi ultimi due presenti in lista, come pure l’ex assessore Luca Vignoli, l’ex presidente del consiglio Giorgio De Vecchis, l’ex capogruppo Benito Rossi, candidati come Gianni Balloni e Clemente Ciampolillo, o gli ex consiglieri comunali Giovanni Chiarini e Luigi Ursini.
Nei loro interventi Castelli e i principali candidati hanno ripercorso l’itinerario che ha portato alla designazione del candidato sindaco Edio Costantini, presidente nazionale del Csi, alla guida di una coalizione formata, oltre che da An, anche dall’Udc, dalla Lega, e dalla civica “Lista Costantini-Progetto Comune?. È stato inoltre sottolineato il particolare contributo dato da An al programma della coalizione. Castelli ha rivendicato come meriti di An nella passata amministrazione l’opera di risanamento economico, le politiche sociali, la trasparenza.
Da parte sua Costantini ha ringraziato i presenti per «la fiducia e la disponibilità con cui è stata accolta la mia persona e la mia professionalità».
Successivamente, sempre al Quadrifoglio, si è svolta una “convention? di tutti i candidati consiglieri delle quattro liste che sostengono Costantini, con la partecipazione del senatore dell’Udc Amedeo Ciccanti e dei segretari della Lega Nord (e candidati consiglieri): provinciale Pietro Infriccioli e comunale Stefano Gaetani.
Sono state fornite indicazioni pratiche su come condurre la campagna elettorale, ma sono stati ribaditi anche i principali punti programmatici: le politiche giovanili, il ruolo dei comitati di quartiere, il rilancio del turismo. Né sono mancate le critiche al centrosinistra e al suo candidato Giovanni Gaspari, entrambi accusati – specie da Castelli – di portare avanti a livello regionale un progetto “anconacentrico?, penalizzante per il sud delle Marche.
Particolare soddisfazione per la candidatura di Costantini è stata espressa in un comunicato stampa da Balloni, che è coordinatore provinciale della “Consulta etico-religiosa? di An. Balloni apprezza in Costantini la difesa dei «princìpi di diritto naturale oggettivi, originari e perenni, che definiscono l’unità e l’universalità dello statuto etico e giuridico del genere umano, principi che appartengono alla millenaria identità storica della nazione, alla sua comune tradizione, al suo patrimonio culturale, morale, sociale e civile, da sempre confermati dal magistero cattolico».
Costantini, secondo Balloni è «Un candidato che pur provenendo dal mondo cattolico e facente parte della Conferenza Episcopale Italiana, non strizza l’occhio alla vecchia formula del “partito di centro?, luogo del compromesso per il mantenimento del potere ad ogni costo, ma che vuole portare al “centro? dell’attività politica i parametri etici sui quali soltanto può reggersi e prosperare una società ordinata».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 840 volte, 1 oggi)