SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Scatta il conto alla rovescia in casa Rugby Samb. Andata in archivio la vittoriosa trasferta di Pesaro – giocata lo scorso 23 aprile – i ragazzi di Sergio Pignotti hanno concluso la seconda fase della stagione al terzo posto (a quota 29), posizione che, in virtù della mancanza di requisiti (leggasi settore giovanile) della capolista Jesi, consente agli stessi sambenedettesi, insieme all’Abruzzo Rugby (a quota 30), di accedere alla stretta finale.
Si comincia domenica 14 maggio, per la gara di andata, e si replica la settimana successiva. L’avversario, la Federazione non ha comunicato nulla in via ufficiale, dovrebbe essere uno fra Rugby Bari e Rugby Ostia. La banda Pignotti è in attesa di sapere.
Nel frattempo ci si allena con il consueto entusiasmo, consci delle proprie possibilità in chiave play off. Il tecnico rivierasco, in vista della “semifinale? – tale è da definirsi il prossimo impegno – dovrà fare a meno del solo Gagliardi che finirà di scontare la lunga squalifica rimediata controil Gran Sasso il 12 giugno, un giorno dopo la gara di ritorno della finale (l’andata è invece in programma per il 4).
Per il resto al momento non si registrano particolari problemi in ordine alle condizioni del gruppo. Parole di ottimismo, non è una novità, quelle di Sergio Pignotti: «Non conosco nessuna delle due squadre che andremo ad affrontare. In ogni caso non mi preoccupo: conosco il valore della mia squadra, duqneu saranno gli altri che dovranno avere paura di noi. Abbiamo una mischia di categoria superiore, credo che risulterà il nostro punto di forza. La pausa di queste settimane? Ci farà bene, abbiamo e avremo tempo per allenarci con maggiore attenzione e grande calma. Vale lo stesso discorso che ho fatto in altre circostanze: sono ottimista».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 371 volte, 1 oggi)