SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La giuria del Premio Riviera delle Palme, voluto fortemente dal profossor Giuseppe Lupi e presieduto da Paolo Mauri, responsabile delle pagine culturali de ?La Repubblica?, ha scelto le due cinquine di Saggistica e Narrativa in edizione economica e tascabile che concorreranno per la finale del Premio: “Lo specchio del diavolo? di Giorgio Ruffolo, “Lettera a un insegnante? di Vittorino Andreoli, “Mala costituzione? di Giovanna Sartori, “Lobby d’Italia?, Francesco Giavazzi, “La scienza espresso? di Piergiorgio Odifreddi, “Per grazia ricevuta? di Valeria Parrella,“Testimone inconsapevole? di Gianrico Carofiglio,“L’amore in sé? di Marco Santagata, “Dall’Ellade a Bisanzio?, Alberto Arbasino e “Sangue sulla via della seta? di Carlo Maiorana.
Questi libri, in estate, verranno distribuiti tra le sei sezioni di lettori-elettori presenti in città e nel mese di settembre si conosceranno i vincitori della sezione Narrativa e della sezione Saggistica, che verranno poi premiati nel corso di una cerimonia in programma, come di consueto, l’ultimo sabato di settembre.
Anche gli studenti delle scuole Superiori di San Benedetto e Grottammare verranno coinvolti nella lettura delle opere e in un concorso parallelo a loro dedicato, curato dalla professoressa Benedetta Trevisani, incentrato su una prova di scrittura sull’argomento: “Italo Calvino, lo scoiattolo della penna: dal reale al virtuale”.
Alla cerimonia di sabato erano presenti moltissimi studenti accompagnati dai loro professori e la giuria nazionale del Premio, i professori Giuseppe Lupi, Uberto Crescenti, Giuseppe Leonelli, Valerio Magrelli, Gastone Mosci e Alberto Sensini.
Il presidente del circolo organizzatore, Silvio Venieri a conclusione della manifestazione ha ringraziato: “La Finagro di Milano e il suo presidente, il dottor Giuseppe Naponiello, la gentilissima consorte, signora Giovanna Graziani, la Fondazione Cassa di Risparmio, nella persona del presidente, dottor Vincenzo Marini Marini, la Regione Marche, il comune di San Benedetto?.
“Mi permetterete” ha proseguito Venieri “alla vigilia dell’imminente competizione elettorale ad esito della quale scaturirà il nuovo consesso civico sambenedettese, di formulare l’auspicio che le forze politiche abbiano coscienza dell’importanza di una programmazione dello sviluppo civile, sociale ed anche economico del territorio che faccia perno sulla cultura, valore comunque di per se dotato di autonoma dignità e degno di tutela”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 395 volte, 1 oggi)