Ha finalmente preso il largo l’iniziativa della Scuola Blu di Martinsicuro, che ha organizzato il suo primo corso di vela. Le lezioni teoriche, che si sono svolte presso i locali del Torrione di Carlo V, sede della Scuola Blu, hanno impegnato gli allievi per due mesi: l’ultimo incontro di venerdì è stato dedicato alle prove d’armatura dell’imbarcazione prima di affrontare il mare aperto.
La parte pratica del corso era prevista per sabato mattina compatibilmente con le condizioni meteorologiche, con le prime uscite degli allievi accompagnati dall’istruttore nel tratto di mare prospiciente il litorale di Martinsicuro. Dopo un mese di pratica che si svolgerà durante i week-end del mese di maggio, i partecipanti saranno in grado di veleggiare in mare autonomamente.
Cos’è la Scuola Blu e come ha conciliato le proprie finalità con l’organizzazione di un corso di vela?
La Scuola Blu è composta essenzialmente di due parti: è un centro di ricerca dell’Università di Ferrara, appartenente al Dipartimento Idrogeologico per lo studio delle Grandi Catastrofi del CNR, e in stretta collaborazione con l’Università di Roma, di Bologna e d’Ancona. Studia l’assetto idrogeologico del territorio, ed in particolare si occupa di pianificare l’utilizzo ottimale delle acque sotterranee e montane, soprattutto della nostra area.
L’altro settore d’attività qualifica la Scuola Blu come CEA, Centro d’Educazione Ambientale riconosciuto dalla Regione Abruzzo, finalizzato alla diffusione di informazioni e alla sensibilizzazione della popolazione alle tematiche ecologiche più rilevanti. In questa ottica si è occupato di studiare un impatto più possibile soft sulla gente della raccolta dei rifiuti porta a porta, che Martinsicuro ha già adottato e sta potenziando, ed altri comuni limitrofi, con la collaborazione del centro, stanno approntando.
“Da sempre – ci spiega il direttore della Scuola Blu Giovanni Marrone, docente d’idrogeologia ed attualmente operatore del CNR – il nostro centro è alla ricerca di iniziative che possano avvicinare la cittadinanza martinsicurese e la popolazione dei territori limitrofi alle nostre attività. L’idea del corso di vela mi è sembrata particolarmente adatta a questo scopo, quindi ho ritenuto di accettare l’iniziativa propostami dall’istruttore di vela Sandrino Annunzi, attivandomi per mettere a disposizione quanto abbiamo per la riuscita del progetto?. Negli anni passati il corso era stato organizzato presso il centro scolastico di Nereto, ma stavolta si è sfruttata la possibilità di utilizzare una sede autonoma che ha consentito maggiore flessibilità di orari nell’interesse degli allievi.
“Il prossimo obbiettivo – ha aggiunto l’istruttore della Federazione Italiana Vela titolare del corso Sandrino Annunzi – è quello di accogliere nel miglior modo possibile per i corsi di vela che organizzeremo in futuro gli allievi diversamente abili: sono molte le richieste che mi sono pervenute da parte di giovani con problemi di mobilità. Siamo già pronti a fornire una didattica mirata ad un tipo di pratica velica che utilizza imbarcazioni particolari?.
Sarà necessario organizzare trasferte per le lezioni in mare presso il porto di Civitanova Marche, l’unico della nostra zona ad essere attrezzato per queste esigenze. Qui, il Circolo Velico “Uguali nel Vento? fondato da tre giovani con problemi di mobilità appassionati di vela, organizza incontri, uscite in mare, corsi d’aggiornamento per istruttori e regate in cui i giovani disabili gareggiano regolarmente con velisti normodotati.
“Purtroppo – ha aggiunto Annunzi – il porto di Martinsicuro, ancora in fase di realizzazione, non ha banchine predisposte per queste iniziative. Inoltre i corsi pratici devono essere effettuati con le imbarcazioni di tipo 2.4, progettate per non ribaltarsi e dotate di una deriva, che sopperisce alla limitata mobilità del velista durante la navigazione. Abbiamo stabilito contatti con il Circolo di Civitanova che è disposto ad ospitarci ed a permetterci l’uso delle strutture per avvicinare nuovi appassionati del mare alla pratica della vela, che finora sembrava loro preclusa?. Buon vento!

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 258 volte, 1 oggi)