SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riceviamo con grande piacere un comunicato stampa dell’associazione “Grifoni in rete” riguardante il ricorso presentato dal Genoa riguardo il ritardo (18 minuti) con il quale è iniziata la partita tra Samb e Genoa. Ci siamo già espressi su questo capriccio del presidente Preziosi e apprezziamo questa presa di posizione dei tifosi genoani. Di seguito pubblichiamo intergralmente il comunicato.
Egregio Direttore,
speriamo di farVi cosa gradita inoltrandoVi il testo del Comunicato stampa che i Grifoni in Rete hanno pubblicato oggi, e al quale (fortunatamente) è stato dato il debito risalto nell’informazione locale.
«L’Associazione dei Grifoni in Rete, preso atto del ricorso presentato dalla società del Genoa per i fatti di San Benedetto, esprime il proprio sdegno di fronte all’ennesimo tentativo di ribaltare in aula quanto è successo sul campo, per un fatto del tutto ininfluente ai fini del risultato. Lo stadio Riviera delle Palme ci ha visto uscire sconfitti e, come tifosi, accettiamo questo verdetto, riconoscendo appieno i meriti della Samb che, in circostanze davvero difficili, ha disputato la gara con dignità ed ottenuto con merito la vittoria.
La nostra passione si nutre di prati, palloni e colori, non di scartoffie e cavilli.
Questo calcio non ci appartiene».
A titolo personale Vi porgo i miei complimenti per l’opera di informazione che state facendo circa gli scontri che hanno coinvolto gli ultras della Samb all’inizio della partita, dando spazio e voce a chi troppo spesso non ne ha.
Marta Priori – Addetto Stampa GiR

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.155 volte, 1 oggi)