SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’Itb, associazione degli imprenditori turistici balneari, è costituita da pochi mesi e la sezione Marche ha tenuto una riunione inaugurale venerdì 21 a cui ha presenziato anche Giovanni Gaspari, candidato sindaco per l’Unione alle prossime elezioni amministrative. In futuro l’associazione incontrerà anche esponenti di altre forze politiche.
Si annuncia una stagione difficile, irta di ostacoli nuovi e di problematiche ormai strutturali. La novità in negativo è la recente soppressione del ritiro dei rifiuti presso gli chalet da parte della PicenAmbiente. Strutturali e pesantemente esiziali, invece, sono i cronici impedimenti burocratici, fiscali e organizzativi. Il vincolo dei sei mesi di apertura per le concessioni balneari, ad esempio, la questione dei canoni demaniali, per non parlare dell’aggressiva concorrenza internazionale. C’è bisogno di una classe politica che operi intelligentemente e che agevoli invece che ostacolare gli imprenditori turistici, i quali sentono di doversi “corciare le maniche? per realizzare una diversificazione della loro offerta.
Gaspari ha esordito affermando che per la realtà sambenedettese il sindaco deve necessariamente fungere anche da assessore al turismo, data la vitale importanza del settore per la città. Dicendosi disposto a periodiche verifiche del suo futuribile operato da sindaco, ha riscosso un buon livello di approvazione da parte degli imprenditori presenti.
Come prevedibile, la recente perdita delle prefinali per Miss Italia avrà ripercussioni sul settore turistico, nell’ordine di 3500/4000 presenze turistiche in meno per il mese di agosto. Gaspari ha parlato della necessità di sinergia fra la città-territorio che va da Alba Adriatica a Cupra: stesse regole, stessi vincoli, parità di opportunità per l’imprenditoria.
Da parte sua, il presidente della locale sezione dell’Itb, Giuseppe Ricci, ha espresso l’auspicio che la prossima amministrazione comunale preveda la concessione di un terreno demaniale come sede organizzativa dell’associazione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 291 volte, 1 oggi)