Migliaia di visitatori, ma anche tante autorità (a cominciare dal Presidente della Provincia di Genova Alessandro Repetto) hanno ammirato lo splendido allestimento del padiglione marchigiano a “Euroflora 2006?, la grande manifestazione dedicata al florovivaismo che ogni cinque anni si svolge alla Fiera di Genova.
Ad accoglierli e a rispondere alle tante domande formulate, l’assessore regionale all’agricoltura Paolo Petrini, il presidente della Camera di Commercio Enio Gibellieri e il Presidente della Provincia di Ascoli Massimo Rossi.
La grande qualità e la spettacolarità dello stand marchigiano (che aveva per eloquente titolo “Viaggio nelle Marche – collettiva dei florovivaisti marchigiani?), è stata certificata dalla messe di premi raccolti nei concorsi previsti nell’arco della manifestazione e consegnati nel corso della serata di gala di giovedì 20. Dei circa 40 premi in palio per i migliori allestimenti tematici, ben 19 medaglie sono andate ai nostri vivaisti: 10 d’oro, 8 d’argento e 1 di bronzo. Una grande soddisfazione, se si considera che le 16 aziende che hanno partecipato alla missione marchigiana sono tutte operanti nella Provincia di Ascoli.

“Questa è la dimostrazione – è il commento del presidente della camera di Commercio Enio Gibellieri – che la nostra produzione vivaistica è a livelli di qualità eccelsi, come d’altronde lo è sempre stata in tutte le numerose edizioni dei 45 anni di vita di Euroflora a cui abbiamo preso parte?.

Per il presidente della Provincia Massimo Rossi “da Euroflora 2006 emerge ancora una volta con chiarezza che la professionalità dei nostri vivaisti è in forte crescita, anche grazie alla rilevante presenza di giovani in queste aziende rispetto agli altri settori agricoli. Lo sforzo deve proseguire nella direzione di migliorare ulteriormente in fatto di innovazione e di collegare sempre più intensamente il nostro mondo produttivo con i grandi mercati internazionali sfruttando anche le tecnologie informatiche. Va in questa direzione – prosegue Rossi – l’intesa stipulata lo scorso anno tra Provincia, la nostra società partecipata Asteria, Legambiente, Marcheflor e Comune di Grottammare che ha due obiettivi. Il primo è quello di realizzare presso Asteria un impianto per la clonazione degli esemplari migliori della nostra produzione in modo da avere un prodotto di qualità, standardizzato (quello cioè che chiede il mercato), ma allo stesso tempo ecocompatibile grazie alla necessità di ridurre l’utilizzo di prodotti chimici per la conservazione. Il secondo obiettivo è quello di creare un collegamento telematico con la borsa olandese, la più grande del mondo per questo genere di produzione, in modo che i grandi acquirenti senza spostarsi possano vedere, scegliere e acquistare la nostra produzione?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 293 volte, 1 oggi)