SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ nata sabato 15 aprile, presso la sede di via Carducci, la sezione di San Benedetto del Tronto della UNVS (Unione Nazionale Veterani dello Sport).
Alla presenza del delegato regionale UNVS, ragionier Antonio Romagnoli, che ha diretto le operazioni dell’assemblea costitutiva, dei soci fondatori Gabriele Cavezzi, Roberto Raneri e Giuseppe Perotti – questi ultimi due già iscritti, dal 2005, presso la sezione di Porto San Giorgio-Fermo -, unitamente all’ex olimpionico di ginnastica artistica sambenedettese, Pasquale Carminucci, nelle vesti di nuovo socio, anche la città delle palme ha visto sorgere la sezione di una associazione che vede tra le proprie finalità quella di promuovere lo sport, e le iniziative ad esso connesse, a tutti i livelli.
All’unanimità sono stati eletti, rispettivamente presidente e vicepresidente, Ernesto Ciarrocchi, 83enne ciclista dilettante in passato, e in attività, ancora oggi, a livello amatoriale; e Benedetto Quondamatteo. Si è inoltre deciso di intitolare la nascente sezione di San Benedetto all’ex-atleta di ginnastica Alberto Carminucci, scomparso il 30 novembre 2001, all’età di 59 anni.
Fra gli altri soci presenti all’assemblea vale la pena citare Italia Cantalamessa, moglie di Ernesto Ciarrocchi; Umberto Candiani, ciclista amatoriale e grande esperto di fotografia; Giuseppe Azulmi, responsabile del settore giovanile e scolastico della F.I.G.C.; Ermanno Perotti, medaglia d’oro ai Giochi della Gioventù nel 1991 in Sicilia; Paolo Filipponi, esperto in informatica; Ivo Partemi, attivo dirigente di società sportive; Giuliano Piunti, ex-canottiere; e Roscioli, ciclista amatoriale e padre dell’ex-ciclista professionista, vincitore di una tappa al Tour de France.
Da ultimo segnaliamo la lodevole proposta del socio fondatore Giuseppe “Pino? Perotti, il quale ha chiesto «l’apertura, all’interno della UNVS locale, di una sezione di “fotografia sportiva?, in grado di documentare tutti gli avvenimenti sportivi e di ricercare foto documentali degli avvenimenti del passato, nella città di San Benedetto e nell’hinterland, per far conoscere ai giovani, a partire dalle scuole, la storia di tutti gli sport praticati, dalla A alla Z».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 263 volte, 1 oggi)