SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Proviamoci. Almeno, per una domenica, a respirare l’aria del bel calcio. Poi, qualunque sia il risultato, a partire dalle ore 18 del dopo Samb-Genoa, ci rimetteremo a pensare ai tantissimi problemi societari. Questo sembra il pensiero-desiderio dei tifosi rossoblu, che hanno affisso in città e nei comuni limitrofi a San Benedetto centinaia di manifestini che invocano la massiccia presenza del pubblico di casa al cospetto della rispettabilissima e onorevole tifoseria genoana, senza dubbio una delle migliori d’Italia (il manifesto è riprodotto nella foto allegata al presente articolo: per vederla di dimensioni più grandi basta cliccare sopra).
Intanto oggi la Samb si è allenata, affrontando a Colli del Tronto la locale formazione, l’Azzurra Colli. Diverse le reti segnate dalla squadra rossoblu, che è stata schierata da mister Voltattorni con il duo offensivo Docente-Chiurato, mentre a centrocampo il duo centrale è stato composto da Faieta e De Rosa, con Yantorno cursore a destra e Angeletti a sinistra. Solita composizione per la difesa: Macaluso, Zamperini, Zanetti e Colonnello, citati da desta a sinistra, sono stati impiegati, nel primo tempo, davanti a Concetti.
MESSA IN MORA. Alcuni tifosi, commentando il blog dei “DisAppunti del Direttore”, hanno chiesto se, dopo la messa in mora della società rossoblu da parte dei giocatori (scattata lo scorso 12 aprile), questi ultimi fossero stati pagati. La risposta è semplice: no. La Samb ha sulle spalle le mensilità di gennaio, febbraio e marzo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 840 volte, 1 oggi)