SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riportiamo il comunicato che la Curva Nord Massimo Cioffi ha reso noto in merito all’intricata situazione societaria del sodalizio di Viale dello Sport. Gli ultras rossoblu ci tengono a sottolineare, ancora una volta, il più totale rifiuto a qualsiasi soluzione “straniera?. Di seguito la nota della curva sambenedettese.
«I tifosi della Samb ribadiscono ad alta voce il loro secco ed irrevocabile No a qualsiasi proprietà non sambenedettese. Un concetto che vede unita la totalità della tifoseria rossoblu. Il No secco riguarda in primo luogo Soldini, che ancora rivendica la proprietà e null adice sul mancato pagamento delle bollette dei medicinali per i calciatori, sul mancato pagamento di stipendi a dipendenti e calciatori, sul mancato pagamento delle strutture albeghiere che ospitano la Samb nei ritiri prepartita, sul possibile svincolo dei calciatori a fine stagione. Il No secco riguarda anche il duo Mastellarini-Paterna che dalle ultime notizie si sta muovendo per trovare una soluzione alla difficilissima sdituazione societaria. Seppur la vecchia società è intervenuta in un momento difficile, le attuali difficoltà sono ad essa in buona parte addebitabili. Il No secco riguarda qualsiasi altra proprietà che non abbia radici con la nostra terra e che si insedierebbe in Riviera solo ed esclusivamente per interessi che nulla hanno a che vedere con il calcio. Solo gli imprenditori della zona possono dare tranquillità a noi tifosi che da circa quindici anni viviamo continuamente cirsi societarie e ci confrontiamo con problematiche che nulla hanno a che vedere con il calcio giocato. La Samb ai sambenedettesi anche con l’aiuto delle istituzioni (vedi Tribunale) che oggi hanno un quadro completo della situazione. Se ciò che noi auspichiam onon avverrà torneremo a far sentire la nostra protesta e quella della città in maniera forte, civile e democratica per il solo bene della Samb e della San Benedetto sportiva».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 771 volte, 1 oggi)