Nel corso della giornata elettorale si sono presentati all’Ufficio elettorale del Comune una decina di concittadini residenti all’estero e iscritti all’Aire (l’Anagrafe degli italiani residenti all’estero). Chiedevano di ritirare la tessera elettorale e di poter così esercitare il proprio diritto di voto nella città di origine. Ma la legge del 2001 sul voto degli italiani all’estero prescrive che coloro i quali vogliano rientrare in Italia per votare, debbano prima indicare al competente consolato italiano nel Paese di residenza l’intenzione di voler andare a votare in Italia piuttosto che farlo per corrispondenza dall’estero. Un diritto che in questo caso essi avrebbero dovuto esercitare entro il 28 febbraio 2006. Non avendolo fatto, queste persone non hanno potuto votare a San Benedetto.
Così è purtroppo risultato inutile il viaggio di questi concittadini residenti a Londra, a Berlino, in Azerbaigian e in Venezuela.
Ha fatto tenerezza, infine, la telefonata di una signora che questa mattina ha contattato l’ufficio elettorale per chiedere come fare per recarsi a votare, dato che si era ammalata e non poteva uscire di casa. Le è stato spiegato che la legge elettorale in questo caso non prevede altra possibilità che andare di persona al seggio.
I seggi resteranno aperti domani, lunedì, dalle ore 7 alle ore 15.
Alla chiusura delle urne, e dopo gli adempimenti formali, inizieranno le operazioni di spoglio dei voti che sarà possibile seguire in tempo reale nell’aula consiliare, dove verrà approntato un maxi schermo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 595 volte, 1 oggi)