FAIETA: «Abbiamo disputato un ottimo primo tempo mettendo in mostra un buon calcio, buone manovre e diversi assist. Potevamo chiudere l’incontro ma quando spendi tante energie con l’avversario che sale d’intensità pensi a contenere e difendere il risultato. Ho smesso di ascoltare le voci sulle vicende societarie. Se ci saranno dei fatti giudicherò a tempo debito. Ora bisogna solo pensare a noi come squadra, dare continuità ai risultati con la stessa carica di oggi».
SCANDURRA: «Era importante vincere e ci siamo riusciti. Abbiamo avuto delle occasioni ma non le abbiamo sfruttate al meglio perché eravamo un po’ stanchi. Nella ripresa il nostro lavoro è stato più di quantità e sofferenza. Non è facile migliorarsi perché ci servono i punti. Dobbiamo stringere i denti».
ZANETTI: «Sono uscito per una lieve contrattura ai flessori della coscia. Oggi abbiamo disputato una buona gara, rischiando solo qualcosa sul finire. Il gol annullato alla Pro Sesto? Era fuorigioco. Ora continuiamo così. Sono molto contento».
COLONNELLO:: «Era un’eternità che non vincevamo: dovevamo farlo ed è andata bene. Potevamo chiudere prima la gara, alla fine abbiamo un po’ sofferto, ma non importa. Bisogna ringraziare tutti. Sono convinto che fino alla fine daremo del filo da torcere a tutti. Ora cerchiamo di ricaricare le batterie in vista della gara di Busto Arsizio, poi penseremo al Genoa; avremo una decina di giorni per prepararci a questa sfida. Credo che per la capolista sarà dura a San Benedetto. Il contributo del pubblico? L’ho detto in più circostanze che qui i tifosi rappresentano il 12° uomo in campo, più che in altre realtà. Solo così possiamo sperare di salvarci, preservando questo tutt’uno tra squadra e pubblico. La situazione societaria? Non ci pensiamo, visto che non c’è una società. Stiamo giocando contro squadre che hanno tutto, noi invece non abbiamo niente, possiamo solo fare affidamento sulla città».
CONCETTI: «Avere una guida tecnica e un preparatore aiuta molto e il miglioramento nel rendimento della squadra è sotto l’occhio di tutti. Oggi abbiamo disputato una gara concreta, siamo stati attenti a non sciupare il vantaggio anche grazie ad un pizzico di fortuna. Abbiamo i mezzi tecnici per tirarci fuori da questa situazione».
AKASSOU: «Credo di aver giocato bene, ma aldilà delle prestazioni dei singoli è importante parlare del gruppo che con la sua forza sta facendo di tutto per uscire da questa difficile situazione. Per quanto mi riguarda sto migliorando anche a livello fisico ma in tutta onestà non sono ancora al top e posso fare di più».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 791 volte, 1 oggi)