SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’operazione “Varenne? compiuta dalla Polizia di Stato di San Benedetto del Tronto ha portato in carcere V.C. e R.T., entrambi di Eboli (Salerno), in quanto autori di alcune rapine ad agenzie di scommesse nel periodo fra 2001 e 2005. Le indagini partirono nel 2001 in seguito alla rapina compiuta nell’agenzia Snai di San Benedetto (75 milioni di lire il bottino); a distanza di breve tempo, i due colpirono anche l’agenzia di Civitanova Marche (67 milioni di lire).
Pistole in pugno e volto scoperto, i due oltre al denaro prelevavano anche le cassette delle telecamere a circuito chiuso. Nella rapina a Civitanova uno dei due aveva una gamba ingessata.
Tramite testimonianze e identikit, si è scoperto che i due avevano colpito anche a Verona, Treviso, Venezia e Arezzo. Sorpresi ad Eboli nei giorni scorsi, sono accusati di rapina aggravata in concorso. Pare che le vicine elezioni politiche abbiano “tradito? uno dei due, arrestato proprio mentre si aggirava nei pressi di un comizio elettorale. L’ordine di incarcerazione è partito dalla Procura presso il Tribunale di Ascoli ed eseguito in collaborazione con la Polizia di Battipaglia, comune vicino ad Eboli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 543 volte, 1 oggi)