MONTEPRANDONE – Ieri sera, nella Sala Convegni di Centobuchi si è conclusa la campagna elettorale della sinistra. Ospiti d’onore della serata sono stati l’ex sindaco di Monteprandone Orlando RuggIeri in qualità di rappresentante dell’Ulivo, e Pietro Colonnella per i Ds.
La serata ha avuto inizio con dei brevi interventi del primo cittadino Bruno Menzietti che ha invitato la popolazione a riflettere prima di recarsi alle urne per non commettere gli stessi errori di cinque anni fa. Il Sindaco ha ricordato che è inammissibile lasciare al poter un centro-destra che voleva abrogare l’articolo 18, che ha creato situazioni di disagio tra i giovani attualizzando la legge Biagi.
Dopo Menzietti si sono susseguiti il vice Sindaco Bordoni, il consigliere Luigino Calvaresi e il rappresentante della Sinistra Giovanile, Alessio Mascitti.
Tutti hanno ricalcato l’importanza di ridare all’Italia stabilità, ridare posti di lavoro sicuro, dare ai giovani una nuova speranza perché essi per primi rappresentano il futuro della nazione.
Orlando Ruggeri ha preso la parola raccontando delle grandi fatiche sostenute in questa difficile campagna elettorale. Una campagna elettorale che è avvenuta non sotto i riflettori, come per il centro-destra ma tra la gente, tra i lavoratori, in piazza, nelle fabbriche.
L’ultimo ma non il meno importante relatore è stato Pietro Colonnella, che ha voluto ricordare che l’Italia è un paese forte, culla della cultura, dell’arte che merita un premier che sia alla sua altezza e non chi si rivolge alla popolazione usando un linguaggio così detto “genitale?.
Scherzando un po’ su Berlusconi lo si è definito la Vanna Marchi della politica, incapace di governare un Italia che merita di più e che vuole riscattarsi.
La cittadinanza è intervenuta in massa e oltre che saziarsi di idee politiche che hanno nutrito la mente ha avuto l’occasione di gustare pesce fritto, panini con la porchetta e vino.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 423 volte, 1 oggi)