SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Inizia per il Grottammare la fase più delicata della stagione. La strada della salvezza diretta, distante una lunghezza, parte con la gara casalinga con il Morro d’Oro. I biancazzurri, privi di Gasparoni, non devono vincere se vogliono continuare ad intraprendere la strada della salvezza.
Settimana intensa quella che ha attraversato il Centobuchi, dopo il pareggio con la Cingolana e l’ulteriore avvicinamento della Jesina, ora a -3 dagli uomini di mister De Amicis. Senza Corradetti e Cipollini, contro la Vigor Senigallia, i biancocelesti vorranno mantenere le distanze e preparare i festeggiamenti, fra sette giorni, quando al Comunale ospiteranno la Biagio Nazzaro.
La Cuprense si appresta a ricevere la visita della capolista Recanatese. Match interessante nel quale i gialloblu, caricati dalla sconfitta beffa della settimana precedente, avranno l’occasione di raggiungere l’ambito quinto posto.
Derby tra Ripa e Porto d’Ascoli. A confronto due bomber veri: Vita per gli amaranto e Del Toro per i biancocelesti. La squadra del tecnico Cesari deve difendere la propria posizione di classifica, vista l’agguerrita concorrenza nei piani bassi. I ragazzi di mister Grilli, d’altro canto, hanno l’opportunità di conquistare il sesto posto, distante due lunghezze. Assenti Malavolta e Piergallini per la Ripa, Pompei e Marconi Sciarroni invece per il Porto d’Ascoli.
Sembra oramai scontata la disputa dei play out per l’Acquaviva. In vista della sfida contro la Valtesino, autentico spareggio salvezza, oltre all’assenza di Balletta, gli aranciocelesti dovranno rinunciare a Palanca e Olivieri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 290 volte, 1 oggi)