ASCOLI PICENO – Maxi operazione della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno contro la pirateria informatica. Per tre giorni le Fiamme Gialle sono state impegnate in una capillare attività di controllo nei compresori provinciali di Ascoli, Fermo e San Benedetto. Venti imprese controllate (tra società, negozi, studi professionali e tecnici) 19 persone denunciate, 50 computer sequestrati, migliaia di file (seriali, musicali e video) e 200 software duplicati in modo illecito, per un valore complessivo di 200 mila euro. Questo l’esito dell’operazione condotta dalla Gdf dopo aver raccolto diversi indizi sull’illecita duplicazione di numerosi software, da quelli di modesto valore come “Clone DVD? e “Nero? ad altri molto più costosi come il programma “Autocad” (che attualmente ha un valore di circa 5.500 euro).
Il Col. Giuseppe Montanaro, comandante provinciale delle Fiamme Gialle ha affermato che l’operazione “è nata sulla scorta delle analisi delle statistiche, anche economiche, di livello nazionale, europeo e mondiale?.
A fronte di 20 imprese interessate ai controlli, solamente 4 sono risultate detenere regolari licenze sui software posseduti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 976 volte, 1 oggi)