ACQUAVIVA PICENA – Non versano in buone condizioni l’ultimo tratto di via San Francesco e contrada Abbadetta (di competenza provinciale), che, attraverso contrada Fontepezzana, conducono alla Strada Panoramica.
È da precisare che si tratta di due tra le più importanti arterie di Acquaviva sia perché collegano la cittadina a San Benedetto sia perché nei pressi si trova l’hotel Abbadetta, una delle strutture ricettive più note non solo del posto, bensì dell’intero circondario. Non da ultimo, il fatto che è la zona del Cimitero, un luogo che, è il caso di dirlo, meriterebbe davvero più rispetto.
Non è certo agevole camminare in quel tratto di strada né tanto meno percorrerlo a bordo di un’autovettura o, peggio ancora, in sella ad un ciclomotore, soprattutto in caso di condizioni atmosferiche avverse, quando diventa terreno fertile per pozzanghere e smottamenti. Talmente dissestato e pieno di buche, sarebbe perfetto per un rally.
«È una zona completamente abbandonata e lasciata all’incuria, senza manutenzione da diverso tempo» dichiarano, amareggiati, i residenti della zona che ogni giorno, anche più volte al dì, loro malgrado, sono costretti a fare i conti col triste spettacolo. «E pensare – continuano gli abitanti di contrada Abbadetta – che dobbiamo pure pagare alla Provincia una quota per l’accesso stradale!».
E che dire del divieto di accesso situato tra contrada Abbadetta e contrada Fontepezzana, nei pressi del canile? «Fino a poco tempo fa – ci dice una delle sette famiglie vittime di esso – noi residenti eravamo esonerati dal rispettarlo; adesso, invece, tornando da San Benedetto, per rientrare in casa siamo costretti a fare un giro assurdo».
Un centro che, coi suoi storici monumenti, l’economia, le manifestazioni, tradizioni e specialità, dà lustro all’intero territorio provinciale meriterebbe maggiore attenzione e, di conseguenza, un sollecito intervento da chi di dovere!

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 310 volte, 1 oggi)