SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Torniamo al nostro appuntamento annuale: un connubio di sport, a livello agonistico, e di attività sociale». Enrico Pompei, presidente dell’A.S.D. Atletica Avis San Benedetto, sintetizza così l’8a edizione della Maratonina dei Fiori, che si svolgerà domenica 2 aprile, organizzata dalla stessa società rivierasca e comprensiva, al solito, di due gare: quella competitiva, lunga 21,097 km, e quella non competitiva, a passo libero, di 9 km.
Anche quest’anno la manifestazione vedrà la partecipazione di centinaia di atleti (l’anno scorso si superarono le mille unità), alcuni dei quali di caratura internazionale (le iscrizioni scadono venerdì pomeriggio). Ci saranno la vincitrice della passata edizione, Ilenia Narcisi e quello dell’edizione targata 2004, Antonello Petrei, unitamente ad un gruppo di maratoneti kenioti. «Sto provando a mettermi in contatto con Daniele Caimmi (arrivato secondo alla Maratona di Roma, svoltasi domenica 26 marzo, ndr), maratoneta che naturalmente conferirebbe ulteriore prestigio alla nostra manifestazione», aggiunge Pompei.
LE GARE. Entrambe partiranno e si concluderanno presso Piazza Giorgini (La Rotonda); il tempo massimo di percorrenza è pari a 2 ore e 30 minuti. Rammentiamo peraltro che il record del percorso (1:03’41’’) competitivo è detenuto dal marocchino Aziz Driouche.
SPORT E SOCIALE. A margine della presentazione della Maratonina dei Fiori, tenutasi stamattina presso la sala consiliare del Comune cittadino, il presidente della Cooperativa Sociale “La Primavera? (si tratta di un gruppo di volontari che opera a Porto d’Ascoli dal 1987 per recuperare dall’isolamento di malati psichici, ndr) Sante Crescenzi, ha ricevuto gli 800 euro devoluti dall’Atletica Avis, vale a dire il ricavato della passata edizione della maratonina. Anche quest’anno i responsabili della cooperativa saranno presenti nel corso della manifestazione, con degli stand dove si venderanno delle piantine e dove sarà possibile, per chi vorrà devolvere il 5 per mille della propria denuncia dei redditi. «Abbiamo bisogno di soldi – ha detto Crescenzi – per sostenere le attività che portiamo avanti con i 30 ragazzi che abbiamo a disposizione: la custodia di parcometri nelle zone blu, la cura di spazi ed aree verdi pubbliche e private, e la gestione della “Fabbrica dei fiori?, una struttura florovivaistica sita a Porto d’Ascoli».
METODO CHIP. Il dirigente dell’Atletica Avis Massimo Palladini nel corso della conferenza stampa di stamane ha fatto notare che l’Atletica Avis è stata «la prima società nelle Marche, sette anni fa, ad adottare il cosiddetto “Chip elettronico?, un sistema di cronometraggio ad alta precisione nella rilevazione dei tempi degli atleti».
LA CURIOSITA’. La Maratonina torna a distanza di nemmeno un anno. La passata edizione infatti si svolse in ottobre, anziché in aprile, a causa della concomitante morte di Papa Karol Wojtyla.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 622 volte, 1 oggi)