SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Delusione. È lo stato d’animo che emerge in casa Porto d’Ascoli dopo la sconfitta contro la capolista Grottese. Un risultato che penalizza i biancocelesti, costretti ancora una volta ad abbandonare il sogno play off.
Una crisi iniziata dopo la rocambolesca battuta d’arresto con il Comunanza e coincisa con tre pareggi consecutivi, un nuovo stop e prestazioni non brillanti. La vittoria interna contro la Monteprandonese aveva riportato fiducia e tranquillità tra i ragazzi. E la gara esterna con la Grottese sembrava costituire lo spiraglio giusto per riproporsi tra i primi cinque posti.
La squadra di mister Grilli, benché abbia lottato fino alla fine, non è stata in grado di ribaltare l’incontro uscendo dal campo a testa bassa. Il tecnico dei biancocelesti ha avuto poco da rimproverare ai suoi, elogiandoli per l’impegno, meno l’approccio iniziale.
Sabato al Ciarrocchi arriva la Sangiorgese di Totò Criniti. Gara delicata poiché gli ospiti verranno agguerriti poichè in lotta per il primato. Il Porto d’Ascoli vorrà, d’altro canto, prendersi la rivincita e chiudere la stagione in bellezza.
Torna disponibile dopo la squalifica Marconi Sciarroni. In dubbio ancora Clementi dolorante al ginocchio. Incerto anche l’utilizzo di Fiorino, uscito malconcio dal match di sabato scorso con un leggero stato febbrile.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 333 volte, 1 oggi)