SAN BENEDETTO DEL TRONTO- L’azione itinerante dei ludobus per portare nelle piazze una cultura del gioco socializzante d’ora in poi si appoggerà ad un punto di riferimento stabile per poter assicurare tutto l’anno il suo servizio per bambini e famiglie. Non solo giornate di gioco e festa all’aperto, dunque, ma anche attività al chiuso per offrire un continuum alle attività del Centro Ricreativo Estivo e al Centro per la famiglia “L’albero? (destinato a sostenere i genitori e i servizi per la prima infanzia). La nuova sede inaugurata lo scorso 25 marzo presso la scuola “Borgo Trevisani? è stata resa possibile dalla disponibilità del comitato di quartiere Ponterotto e avrà tre aperture settimanali; si tratta però di una sperimentazione temporanea.
Le attività del Servizio Gioco comunale si avvalgono dal 2001 della collaborazione della Cooperativa Systema e intendono valorizzare la cultura dell’agio e del gioco come mezzo per prevenire il disagio e lo stress. Il gioco, riconosciuto come motore fondamentale dell’apprendimento insieme allo studio, è utile per ottenere una migliore qualità della vita. Il percorso intrapreso, negli ultimi quattro anni, ha portato San Benedetto del Tronto, grazie agli innovativi servizi attivati, ad essere faro per i servizi gioco nella realtà regionale: il Centro Ricreativo Estivo si è infatti classificato come uno dei migliori delle Marche, il progetto “Mens-animata? è divenuto modello per le altre realtà e anche le iniziative di “Arriva il ludobus? hanno ispirato altri comuni e province, in particolar modo Osimo e la Provincia di Macerata.
Questa riscoperta della cultura ludica ha creato nuove aggregazioni sociali e incentivato la partecipazione alla vita pubblica. Proprio a partire dalle richieste dei cittadini, si è pensato di fornire una sede stabile a questi servizi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 264 volte, 1 oggi)