SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Amara domenica per il Grottammare. I biancoazzurri si arrendono 2-1 contro il Sansepolcro ripiombando nella crisi. La squadra di mister Amaolo era riuscita a rimontare lo svantaggio iniziale con Fusco poi le solite ingenuità hanno permesso agli ospiti di vincere l’incontro.
Non è stata una bella gara tra il Centobuchi e il Lucrezia. Tutto sommato lo 0-0 ottenuto è positivo per i biancocelesti, nonostante la Jesina abbia rosicchiato 2 punti alla capolista. Decisivo il prossimo match casalingo quando la squadra di mister De Amicis potrà contare sul grande sostegno dei propri sostenitori.
Una gara di ping pong quella tra la Cuprense e la Folgore terminata 2-2. Emozionante, vivace e per nulla scontata. Al vantaggio degli ospiti i gialloblu hanno risposto con Perozzi. Poco dopo stesso monologo con Umberto Splendiani che riportava l’equilibrio tra le due formazioni. Un punto importante per la squadra di mister Clerici che aggancia la Vis Macerata, quinta in classifica.
Finisce il sogno play off per il Porto d’Ascoli sconfitto 2-0 in casa della Grottese. La capolista sbriga la pratica nei primi venti minuti; i ragazzi del tecnico Grilli hanno provato a reagire, ma senza costrutto.
Continua, positiva, la marcia per non retrocedere della Ripa, vittoriosa 2-0 sul Comunanza. Cicconi e Piatti gli uomini chiave dell’incontro. Gli amaranto sono ora molto vicini alla salvezza diretta.
L’Acquaviva stava assaporando il gusto della vittoria, quando l’Acquasanta ha trovato il pareggio in extremis. Il 2-2 finale lascia tanto amaro in bocca agli aranciocelesti dopo che avevano colpito una traversa e si sono visti annullare un gol regolare a Balletta, tra l’altro espulso in seguito per proteste.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 280 volte, 1 oggi)