SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Ieri sera mi ha telefonato Di Pietro, dicendomi di avere sentito il presidente Soldini, il quale gli avrebbe rivelato che esiste una trattativa, in stato avanzato, con un gruppo di San Benedetto». E’ l’affermazione di Gianluca Zanetti al termine dell’allenamento pomeridiano. Il difensore rossoblu aggiunge: «Con Di Pietro siamo rimasti d’accordo che appena ci saranno delle novità mi farà sapere». Il leader dell’Italia dei Valori, continua dunque a seguire da vicino le sorti della Samb, dopo la ‘serataccia’ di martedì scorso, presso il Municipio di San Benedetto.
A quanto ci è dato sapere sia Dante Paterna che l’ex dirigente rossoblu Nazzareno Torquati hanno avuto, negli ultimi giorni, contatti con Soldini, ma probabilmente più per fare da mediatori a un’eventuale, futura trattativa che al momento non pare avere fondamenta concrete.
QUESTIONE STIPENDI. Intanto il capitano ha puntualizzato che stamattina dalle banche dei compagni di squadra è arrivata la conferma della copertura degli assegni emessi da Soldini nella settimana tra il 14 e il 21 marzo. Tutti i giocatori rossoblu dunque hanno avuto gli stipendi facenti capo a novembre e dicembre, ad eccezione di De Rosa, Di Dio e De Pascale che, come noto, non erano presenti nel corso del ritiro romano alla vigilia della trasferta di Fermo.
Va comunque avanti la messa in mora partita due giorni fa; ricordiamo che Soldini per farla decadere dovrà pagare tutte le mensilità sino a febbraio. «Credo che se non avessimo alzato tutto questo polverone non avremmo vissto un centesimo», commenta con un filo di amarezza Zanetti.
PRIMO ALLENAMENTO PER SIMONATO. Nel pomeriggio, sul sintetico del Ciarrocchi di Porto d’Ascoli, la Samb ha sostenuto il primo allenamento agli ordini di Maurizio Simonato. Fuori Yantorno e Mattia Santoni, ha ripreso Faieta, che a questo punto non dovrebbe avere problemi in vista della trasferta di Cittadella. In dubbio invece Melara, che oggi si è fermato per un risentimento ai flessori. Domani mattina, nel corso della consueta rifinitura prima della partenza per Cittadella, saranno da valutare le sue condizioni.
In ultimo segnaliamo il perdurare dell’assenza (da una decina di giorni) del difensore Jacopo Stazzi, ufficialmente ancora nella capitale per motivi di salute.
«AVEVAMO BISOGNO DI UN ALLENATORE». In merito all’investitura di Maurizio Simonato, Gianluca Zanetti si è detto «sorpreso: non ce l’aspettavamo, è successo tutto all’improvviso. In ogni caso avevamo bisogno di una guida, di una figura che decidesse per noi. Fino ad ora lo abbiamo fatto io e Colonnello, ma era arrivato il momento che quest’autogestione si concludesse. Cercheremo di aiutare Simonato in tutti i modi, ascoltandolo e assecondando le sue scelte».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.235 volte, 1 oggi)