SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Qualcosa si muove. Il polverone, a livello nazionale, che è stato alzato da giornali e televisioni in ordine all’affaire Soldini-Di Pietro, ha per ora sortito gli effetti auspicati dai giocatori della Samb. Colonnello e compagnia da ieri hanno cominciato a incassare gli assegni relativi alle mensilità di novembre e dicembre. I fratelli Santoni, Chiurato, Yantorno e Macaluso, ma anche altri calciatori – i cui nomi in ogni caso non sono stati fatti – in giornata hanno avuto rassicurazioni in merito dalle banche. La conferma giunge da capitan Zanetti al termine dell’allenamento pomeridiano: «Stanno arrivando quasi a tutti i soldi degli assegni. I nomi? Aspettiamo domani mattina per essere sicuri. Appena sapremo, ve lo comunicheremo».
I primi soldi contribuiranno a rendere la vigilia della trasferta di Cittadella un poco più tranquilla?
«Relativamente. Resterebbero le mensilità di gennaio e febbraio (va poi detto, come abbiamo sottolineato ieri, che la messa in mora attuata dai giocatori decadrà solo quando Soldini avrà onorato per intero gli stipendi, ndr)».
Tra l’altro questi assegni non risolverebbero i problemi della Samb: debiti e insoluti con fornitori, albergatori e ristoranti.
«Esatto, la situazione rimane critica e il giudizio (crediamo non positivo…, ndr) che abbiamo maturato su Soldini rimane immutato. La squadra continua a vivere con preoccupazione questo momento. Dobbiamo però sforzarci di pensare solo alla prossima partita».
E a proposito della gara di Cittadella il segretario del sodalizio di Viale dello Sport Nazzareno Marchionni, ha rivelato che «molto probabilmente i ragazzi effettueranno la trasferta grazie al vaglia postale cui provvederà Soldini, come è successo per Lumezzane».
BIGLIETTI PER CITTADELLA. Da martedì scorso, presso gli abituali punti vendita, libreria Nuovi Orizzonti e Samb Point, sono a disposizione dei tifosi i 200 tagliandi (equamente divisi fra i suddetti) relativi al settore ospiti dello stadio Tombolato. Prezzo di ogni singolo biglietto 10 euro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 968 volte, 1 oggi)