SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Giulietta e Romeo contemporanei, intrappolati in un sito internet da qualche parte della rete, sono i protagonisti dello spettacolo che lunedì mattina 20 marzo manderà in archivio la fortunata stagione 2006 del Teatro Scuola.
Particolarmente evocativo è l’uso teatrale dei video, attraverso i quali si manifestano gli elementi di disturbo, le vicende e i personaggi esterni alla coppia che la costringono a confrontarsi con un ambiente ostile, precostituito e immutabile.
La storia è lo spunto narrativo per riflettere sui limiti e le distorsioni che la tecnologia può portare alle relazioni umane. L’amore di Giulietta e Romeo basta a se stesso, non ha bisogno di elementi esterni. E quando i due possono restare soli e vivere dei loro sentimenti, i mezzi multimediali e i loro limiti emotivi spariscono per far spazio al teatro, all’incontro tra persone destinato sempre a vincere sul mondo virtuale. In una realtà così avara di sentimenti, Romeo e Giulietta sono gli unici che possono toccarsi e conoscersi davvero.
Al Calabresi si sono prenotati 644 spettatori, tanti quante sono le poltrone del teatro. Piuttosto ampio, ancora una volta, il bacino di provenienza dei piccoli studenti: oltre ai plessi cittadini “Sacconi-Manzoni? e “Piacentini?, hanno aderito da Appignano, Venarotta, Rotella, Cossignano, Petritoli, Sant’Omero e Tortoreto Lido. Sarà anche una classe di 12 ragazzi proveniente da una comunità per disabili di Capodarco di Fermo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 253 volte, 1 oggi)