Politica. Martinelli ha fatto le scarpe a Scaltritti. Potrebbe essere il succo di quello che sta accadendo in Forza Italia. E’ un mio presentimento e forse solo una mia fantasia. Il problema però è un altro: la forte spaccatura con An, a chi servirà? La risposta è semplice, semplice: a Giovanni Gaspari.
Samb. Se continua così proporrò la tifoseria rossoblù al Premio Nobel dei fans, che non esiste ma rende bene l’idea.Gli aficionades Samb hanno defitivamente sotterrato l’ascia di guerra ed ora si comportano da perfetti gentleman. Il loro humor britannico è davvero fantastico. Hanno capito che le parole possono benissimo sostituire la violenza. Se usate con intelligenza le parole possono far più male di un volgare e illegale schiaffo. Ecco alcuni esempi visti domenica sugli spalti: “Meglio ripartire da zero ma con un presidente vero”, “Soldini vattene”, “Paga i buffi” e buon ultimo “Ogni parola è una bugia, Soldini vattene via”. Bugie alle quali alcuni media continuano invece a fare da cassa di risonanza “Porto via la Samb da San Benedetto” commettendo un gravissimo errore. Confondendo le idee alla gente si fa il gioco di uno solo, di Alberto Soldini. Una tattica usata magistralmente da Venturato 15 anni fa. Per fortuna oggi i tifosi sono più maturi e più intelligenti di qualche mio collega. Sì, meritano il Nobel. Anche per quel grande esempio di autocritica che hanno usato nello striscione “I ca… ha cagnate ma i cu… è sempre cheie”. Proprio bravi, non c’è di che.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 195 volte, 1 oggi)