SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Attenzione: dalle parole si passa ai fatti. E sono dolori. L’avvocato Mattia Grassani, consulente di molte società sportive per questioni legali, e in passato anche della Samb durante la gestione di Mastellarini e Paterna, depositerà nella giornata di domani, presso il Tribunale di Ascoli Piceno, l’istanza di fallimento della Samb. Grassani vanta un credito di 120 mila euro nei confronti della Samb.
Sabato sera un ufficiale giudiziario si è recato nella sede della Sambenedettese Calcio per eseguire il pignoramento di prassi, ma ha trovato in sede solo un vecchio computer e una fotocopiatrice. Quindi, domani, si passerà alla richiesta di fallimento.
«Se la Samb dovesse fallire in corso, prima del termine del campionato – afferma Grassani – potrebbe ad ogni modo ripartire dalla Serie C2. Se invece questo stato di cose dovesse protrarsi fino alla fine del campionato, il rischio potrebbe essere quello di sprofondare definitivamente».
Da queste notizie, crediamo che la nostra iniziativa sulla nascita di un Comitato spontaneo “Salviamo la Samb? e sullo studio di un’ipotesi di sottoscrizione popolare debba avere tempi sempre più rapidi. Noi ce la metteremo tutta.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.445 volte, 1 oggi)