SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Cuore di capitano. Le lacrime versate da Gianluca Zanetti dopo il triplice fischio di chiusura dell’arbitro, sono il sunto di un pomeriggio – o meglio: di una settimana – intenso e pieno di emozioni, oltre che il segno inequivocabile del grande attaccamento nutrito nei confronti della maglia rossoblu.
“Abbiamo vissuto una settimana molto nervosa e stressante – confessa Zanetti -, il mio è stato uno sfogo. Adesso aspettiamo le decisioni della società. Galderisi? Condivido quanto ha detto Colonnello, con lui non ci sono mai stati problemi, come pure Chimenti e soci hanno saputo far ritrovare la serenità al gruppo. Vediamo in questo due giorni se qualcosa si risolve, sono fiducioso e la fiducia è riposta soprattutto nella squadra. Peggio di così non può andare?.
Sulla partita odierna, il capitano rivierasco dice: “Abbiamo disputato un grande primo tempo, mentre nella ripresa arretrati, anche se a parte il gol Concetti non mi sembra abbia effettuato grandi parate. E’ un vero peccato beccare il gol a fine gara. Se ci fosse il fuorigioco? Non lo so. Ero fermo, il guardialinee mi ha detto che Veronese veniva da dietro?.
Per Danilo Zini la chiave della partita è da ricercarsi nella bagarre che la Samb ha vissuto negli ultimi giorni. “Quando non ci allena con continuità come abbiamo fatto noi ultimamente – afferma l’ex Catanzaro – è normale accusare un calo fisico. Martedì prossimo deve tornare un allenatore, cercare la salvezza e allenarsi meglio ,altrimenti andiamo incontro a quello che abbiamo visto oggi. Chimenti e soci ci hanno dato tanto, altre situazioni non vogliamo prenderle in considerazione. I tifosi? Ci hanno capito. Sono sicuro che ora ci rifaremo a Lumezzane. Lotteremo contro tutti?.
Davide Faieta torna invece sull’episodio del gol del Pavia: “Non lo so se fosse in fuorigioco, non ho visto bene la posizione dei giocatori azzurri. In ogni caso la Samb ha dato tutto, prova ne sono i crampi che alla fine hanno colpito molti di noi. Abbiamo forse risentito della tensione accumulata in settimana; loro alla fine erano più freschi. Un grazie ai tifosi, ci hanno sostenuto sempre, dandoci la carica sino alla fine?.
Tanta speranza è riposta nelle parole di Fabio Femiano, in panchina oggi, ma molto partecipe, come del resto l’intero collettivo rossoblu. “Abbiamo fatto il possibile, a dimostrazione del fatto che lo spogliatoio è molto unito. Cercheremo di fare il meglio per tirarci fuori da questa situazione, anche per questi splendidi tifosi che ci stanno aiutando tanto. Con questa voglia e questa grinta credo che ce la possiamo fare bene, a partire dalla prossima partita usl campo del Lumezzane. Peccato per il gol venuto a pochi minuti dal termine della gara”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 842 volte, 1 oggi)