La giunta regionale ha approvato il finanziamento del Bonus di risarcimento per i pendolari che, tra dicembre e gennaio, hanno dovuto subire i ritardi di molti convogli ferroviari di collegamento ordinario. Va a buon fine così la vertenza sollevata con tempestività dall’assessorato ai trasporti per chiedere, fra l’altro, come rimborso simbolico – insieme al Comitato dei Pendolari marchigiani – un Bonus di una mensilità gratuita per i lavoratori che utilizzano quotidianamente il mezzo ferroviario.
Entro il 15 marzo presso tutte le biglietterie delle stazioni (tramite la consegna dell’abbonamento di gennaio o febbraio e riempiendo un modulo disponibile anche sul sito www.trenitalia.com) sarà dunque possibile ottenere il nuovo abbonamento gratuito o il rimborso di quello vecchio.
“L’impegno è stato mantenuto – ha detto il presidente Gian Mario Spacca – La Regione si è fatta carico, pur non essendone responsabile, dei problemi incontrati dai nostri concittadini che si recano tutti i giorni al lavoro in treno. Questa nostra delibera va senz’altro nella direzione positiva di mantenere ferma la volontà di miglioramento dei rapporti e vuol essere di incoraggiamento a Trenitalia per sostenere gli investimenti necessari a migliorare il materiale rotabile e i servizi ai marchigiani?.
A Trenitalia – come ha precisato l’assessore Pietro Marcolini – verrà trasmessa la cifra, quantificata in euro 250.000, calcolata sulla base di un preconsuntivo 2005 relativo alla vendita di tutti gli abbonamenti sulla rete ferroviaria marchigiana.
Per usufruire del rimborso (se l’abbonamento è annuale) o di un abbonamento gratuito per il prossimo mese di marzo 2006 (la cui validità è stata stabilita dal 24 febbraio prossimo) occorre essere residenti nelle Marche ed essere in possesso, in qualità di titolare, di abbonamento ferroviario per o da una località delle Marche, valido per il mese di febbraio o gennaio 2006 (mensile o annuale).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 270 volte, 1 oggi)