JESI – I rossoblu perdono per un solo punto la seconda partita del mini-torneo Abruzzo-Marche-Umbria contro il Rugby Jesi. Complici della disfatta qualche problema fisico e alcune discutibili decisioni arbitrali. La certezza di aver giocato bene non basta ai ragazzi di Pignotti, a cui il risultato finale di 16-15 va comunque troppo stretto, considerando che è in ballo l’accesso alla serie B.
Con due mete non trasformate per parte il risultato si porta sul 5-5. Una punizione per la squadra di casa fa finire il primo tempo sull’8-5 per lo Jesi. Nella ripresa la Samb va in meta in mischia mancando ancora la trasformazione ma portandosi comunque in vantaggio per 10-8. Un’altra meta non trasformata e una punizione riportano però gli ospiti in vantaggio per 16-10. I rossoblu rispondono con una meta di Mandolini -anche questa non trasformata- riducendo così lo svantaggio ad un solo punto. Una punizione per lo Jesi non passa tra i pali, lasciando il risultato invariato. A pochi secondi dalla fine l’arbitro ignora il vantaggio concesso alla Samb e a pochi metri dalla linea di meta avversaria decide di dare una punizione ai padroni di casa, interrompendo la spinta della mischia rivierasca e chiudendo definitivamente il match.
In campo per il Rugby Club San Benedetto: La Riccia, Apostoli, Iaconi, Perozzi, Angelini M., Mandolini, Corso, Angelini A, Merlini, Mitrione, Mecozzi, Spina, Pasqualini, Gagliardi V., Gagliardi R. A disposizione: Colantonio, Damiani, D’Amico, Zocchi. All Pignotti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 622 volte, 1 oggi)