MILANO – Alla Borsa internazionale del turismo domenica 19 febbraio è il giorno delle cifre e delle strategie della Regione Marche. Alla conferenza stampa ufficiale parlano il vicepresidente e assessore al turismo Luciano Agostini e l’assessore alle attività produttive Gianni Giaccaglia, affiancati dai dirigenti Laura Pierini, Mariano Landi, Roberto Strano.
Ma è intervenuto anche il grande campione di basket Dino Meneghin, in merito al progetto lanciato dall’“Associazione Porto San Giorgio Basket? (rappresentata da Matteo Silenzi), per fare appunto di Porto San Giorgio la “residenza? o se si preferisce la “Coverciano? della nazionale italiana di basket, per i prossimi cinque anni, in tutte le categorie: maschile, femminile, under 21, ecc. Ad inizio estate 2006 Porto San Giorgio ospiterà un quadrangolare con Italia Cina Francia Giappone. Poi un torneo per squadre Under 21.
Le cifre. Il turismo rappresenta il 7,5-8% del pil regionale, contro una media nazionale del 12-13%. Il 2005 ha visto arrivi e presenze in lieve flessione nelle Marche, rispettivamente dell’1,4 (a quota 2.266.952) e del 1,9% (15.996.303). Turisti italiani per una percentuale dell’87% (provenienti da Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna, Veneto, Puglia, Campania, Toscana, Piemonte). Gli stranieri arrivano invece per lo più da Germania, Repubblica Ceca, Svizzera, Regno Unito, Francia, Austria, Paesi Bassi ed altri.
Le strategie. Agostini ha riepilogato le tre strategie principali del suo assessorato: il Testo unico in primis, i finanziamenti in conto interessi agli operatori che investono e infine la promozione da migliorare. Compiti, specie quest’ultimo, che a detta dei due assessori vengono ostacolati dalla forte riduzione dei trasferimenti da parte dello Stato.
«Dobbiamo lavorare ad una nuova immagine delle Marche – ha detto Agostini – La nostra regione dovrà essere percepita all’esterno come una meta unica, con tutte le sue tipicità e nonostante la diversità dei suoi territorio, del mare e dell’entroterra, del nord e del sud ». Di qui la novità per il 2006 di un “Piano unico integrato? per la promozione del turismo, dell’agroalimentare e dell’artigianato e industria.
E inoltre il potenziamento dell’“Osservatorio regionale sul turismo? previsto dal Testo unico, con la collaborazione delle università marchigiane: «loro compito sarà quello di analizzare l’esistente – ha aggiunto Agostini – ma anche individuare nuovi mercati, a cominciare da quelli dell’Europa dell’est». Ma anche una trattativa con la Rai per la realizzazione di una serie di trasmissioni mirate sui vari luoghi della regione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 497 volte, 1 oggi)