SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il consorzio turistico “Riviera delle Palme? si apre alla città di Martinsicuro. Per il momento con iniziative promozionali comuni, a cominciare dalla presentazione di prodotti tipici di Martinsicuro e del suo territorio al Banco dell’Enogastronomia e dell’Artigianato che si svolgerà dal 23 al 25 aprile a San Benedetto.
Ma subito dopo le elezioni amministrative a San Benedetto Martinsicuro potrebbe entrare a pieno titolo nel consorzio, con i suoi hotel e soprattutto i cinque camping con circa mille postazioni e quattromila posti letto complessivi: non si può non osservare che insieme alla recente apertura dell’ostello presso il convitto dell’Ipsia, tale offerta di camping “compensa? la perdita di quelli di Cupra Marittima, comune recentemente uscito dal consorzio.
Anche Martinsicuro, come i principali centri costieri del consorzio turistico, può vantare la bandiera blu per la qualità ambientale. Ed ha anche ottenuto le “4 vele? del Touring Club. A breve dovrebbe aprire l’ “Antiquarium di Castrum Truentinum?, già pronto e visibile subito dopo il Tronto, che sarà un museo dei numerosi reperti archeologici della comune zona di origine delle città di Martinsicuro e San Benedetto, oggi custoditi a l’Aquila dalla Sovrintendenza per i beni archeologici (che da parte sua sembra non voglia concederli).
Oltre che di promozione, già si parla di piste ciclabili che colleghino i due territori, proseguendo quanto si sta realizzando da Pescara verso nord e da Grottammare verso Cupra e San Benedetto. Non però tramite un ponte di legno, come si era detto in passato, ma approfittando delle opere necessarie al comune di Martinsicuro per collegarsi al depuratore di San Benedetto, attualmente “sottoutilizzato?. A questo proposito le province di Ascoli e Teramo hanno sottoscritto un’intesa lo scorso 6 febbraio.
«La comunanza del territorio – ha detto il presidente del consorzio Marco Calvaresi – con il Parco Marino del Piceno che arriva fino ad Alba Adriatica e la Riserva naturale della Sentina, rendeva questa scelta quasi obbligata. Senza contare la grande intesa che abbiamo subito trovato con i nostri interlocutori».
Interlocutori che durante la presentazione avvenuta giovedì 16 febbraio nella sede del consorzio stesso erano il vicesindaco e assessore al turismo del comune di Martinsicuro Pietro Dursi, il presidente dell’associazione albergatori di Martinsicuro e Villa Rosa Pier Francesco Ciaralli, l’imprenditore Amedeo Corsi (titolare di un camping a Martinsicuro e membro della consulta provinciale del turismo di Teramo).
Tutti hanno concordato sulla necessità di promuovere un territorio ampio e riconoscibile, come gli stessi stranieri già fanno da soli, parlando di “Medio Adriatico? e non certo di territori più ristretti.
Così, se il Testo unico sul turismo approvato dalla giunta regionale delle Marche deve ancora passare all’esame del consiglio, già si tenta di mettere in pratica un “Sistema turistico interregionale?, che è tra i le novità di cui esso parla.
Dal 19 marzo al 3 giugno saranno dieci le giornate di promozione in Italia già previste dal consorzio turistico, con San Benedetto comune capofila e Martinsicuro presente. Due invece le giornate all’esterno (Germania e Austria), più una settimana in Svizzera, a Lugano. Da parte sua il comune di Martinsicuro aveva già in programma attività promozionali a Vicenza, Bolzano e Merano. A maggio ci sarà anzi una speciale “coppa Martinsicuro? al Gran Premio Ippico di Merano.
È poi prevista l’apertura di un ufficio turistico da parte del comune di Martinsicuro a Löbau, città di 18 mila abitanti nella Germania orientale, 65 km a est di Dresda e al confine con la Polonia e la Repubblica Ceca, dove ogni anno si svolge una importante fiera che attira visitatori da tutti i centri vicini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 588 volte, 1 oggi)